Freddo polare alla ripresa degli allenamenti
Data: Mer, 06 dic 2017 20:57 CET
Argomento: Catanzaro News


La squadra si è ritrovata al Ceravolo, ancora fuori Infantino e Letizia. L'avvocato Nicola Cantafora difenderà il Catanzaro nel processo sportivo del 15 dicembre
 


Una temperatura attestata sui tre gradi ha accolto oggi i giallorossi al Ceravolo, che hanno ripreso gli allenamenti dopo la vittoria di domenica scorsa contro il Racing Fondi.

Ads336x280

Mister Dionigi con il suo staff tecnico e con l'ausilio del preparatore Raione, approfitterà della sosta che impone il calendario, per eseguire i richiami della seconda sessione di preparazione effettuata con l’avvento del tecnico modenese (dopo quella estiva) che è stata incentrata sull'intensità e sulla corsa.
Sarà anche l'occasione per far si che i calciatori da poco rientrati, in particolare Spighi, Maita, Anastasi, Van Ransbeeck (formuliamo gli auguri per il suo compleanno) e Icardi, lavorino per mettersi alla pari con gli altri.
Per i tre attaccanti infortunati, si dovrà invece lavorare con cautela. Ci riferiamo a Cunzi, che dopo i pochi minuti giocati a Siracusa ha avvertito qualche dolore, a Infantino e Letizia.
Per l'ex attaccante di L'Aquila e Matera c'è qualche probabilità che dalla prossima settimana possa allenarsi regolarmente in gruppo. Più difficile prevedere invece i tempi di recupero di Letizia, alle prese con uno stiramento.
Domani la squadra svolgerà una doppia seduta, e lo farà al mattino allenandosi probabilmente in palestra, mentre nel pomeriggio si dovrebbe andare al Federale.

Money Gate - Nell’udienza fissata il 15 dicembre davanti al Tribunale Federale Nazionale, per la presunta combine fra Catanzaro avve Avellino, nel pool degli avvocati difensori, ci sarà l’avv. Nicola Cantafora, membro dell'associazione “A1971 srl” che detiene il 5% delle quote del Catanzaro, a difendere la squadra della città capoluogo di Calabria, insieme al pool con l'avv. Rondinelli.
I due club sono stati deferiti a titolo di responsabilità diretta e oggettiva. Cinque i tesserati accusati d’illecito sportivo (Walter Taccone e Vincenzo De Vito per la società biancoverde; Giuseppe Cosentino, Armando Ortoli e Andrea Russotto su sponda giallorossa) e i due con addebito di omessa denuncia (Francesca Muscatelli e Marco Pecora, entrambi ex dirigenti del Catanzaro) dovranno presentarsi in via Campania, 48 a Roma per il dibattimento di primo grado.
In quella sede la Procura Federale, sulla scorta dei deferimenti emessi lunedì, formulerà le sue richieste di condanna.

In tempi brevi arriverà la sentenza impugnabile in appello. Terzo grado di giudizio sportivo davanti al Collegio di Garanzia del Coni. 

Palazzina e Tribuna Stampa - Si è svolta oggi presso Palazzo De Nobili, una riunione per cercare di risolvere i problemi della tribuna stampa, esposta alla pioggia nonostante la recente consegna dei lavori del Ceravolo. 
Alla riunione, presieduta dal presidente Soluri, oltre agli esponenti dell'informazione catanzarese, c'era l'assessore Longo del Comune accompagnato da un ingegnere.
Difficile risolvere il problema entro poco tempo.

Si cercherà di ovviare, almeno in via provvisoria, con una soluzione tampone, in attesa di risolvere il problema per la prossima stagione, al limite con una copertura ad hoc, replicando il box della sala Gos.
Domani si terrà un incontro fra Comune e società per discutere della convenzione-concessione del Ceravolo e nell’occasione si cercherà di affrontare le problematiche evidenziate nella riunione suddetta.
Ricordiamo che, oltre a questi problemi, bisognerà adoperarsi sul fronte Teibuna. Ricordiamo, infatti, che la prossima stagione (il problema si sta già affrontando presso le sedi comunali) scadrà l’agibilità concessa ai settori dove sono allocate le tre tribune coperte.
Con l'eventuale firma della convenzione fra società e Comune, è trapelato che la compagine giallorossa ha nel suo intento di apportare migliorie al Ceravolo e non è escluso fra queste, l'avvicinamento delle curve al campo di gioco.

 

Salvatore Ferragina







Questo Articolo proviene da UsCatanzaro.net
http://www.uscatanzaro.net

L'URL per questa storia è:
http://www.uscatanzaro.net/modules.php?name=News&file=article&sid=38060