Catanzaro-Siracusa 1-0: le pagelle
Data: Lun, 17 apr 2017 08:37 CEST
Argomento: Catanzaro News


Nessuna insufficienza, va al centrocampista belga Van Ransbeeck la palma del migliore in campo
 


12) LEONE: Rientra da titolare e si comporta egregiamente. Un intervento salva risultato all’inizio su tiro di Azzi al 16esimo e poi normale amministrazione gestita con tanta sicurezza, in particolare sulle palle alte. VOTO 6,5

3) ZANINI: Erra lo riporta nel suo ruolo naturale di terzino, lo aveva già fatto nella ripresa contro il Taranto allo Iacovone. Zanini al rientro si comporta bene, presidia la su fascia con accortezza e precisione ed è bravo nelle chiusure. VOTO 6,5

Ads336x280

4) ICARDI: Non è ancora il calciatore che abbiamo apprezzato nel corso del torneo. L’ha ammesso anche lui di soffrire una condizione fisica non ottimale, ma l’impegno non manca e il suo contributo per corsa, sostanza e anche soluzione sotto porta com’è avvenuto contro il Siracusa sono fondamentali. Fra Reggio e Siracusa è sembrato in ripresa e questo fa ben sperare per le rimanenti tre decisive partite. VOTO 6,5

6) PATTI: Ritorna nel suo ruolo di stopper. L’affiatamento con Prestia non è identico a quello con Sirri. Per esperienza, tenacia e attaccamento Patti disputa la sua partita e non si discute. Qualche imprecisione di troppo nei lanci lunghi ma il vento di certo non lo aiutava. VOTO 6

10) GIOVINCO: Esce stremato dal campo è questo è già un segnale positivo. Si rende utilissimo perché riesce spesso a dare profondità alla squadra con movimenti intelligenti. Meriterebbe il goal che non arriva perché la traversa prima e la bravura del portiere avversario in due occasioni glielo negano. Nei minuti finali si calza nel ruolo del veterano indicando ai giovani Cedric e Imperiale di tenere palla nei pressi della bandierina per guadagnare tempo. VOTO 6,5

15)SABATO: Un contrasto duro con un avversario lo toglie dal gioco. Speriamo non sia nulla di grave perché la sua esperienza serve come il pane. S.V

25)VAN RANSBEECK: Il belga è in forma, oltre che eseguire la fase di pressing sui centrocampisti avversari, dispensa e sostituisce Maita nella fase di transizione del pallone. Prova più volte con risultati alterni la conclusione da fuori che in un Catanzaro poco prolifico è necessaria come arma per mettere qualche pallone in rete. Ha qualche minuto di pausa a inizio ripresa quando non trova le giuste misure con Maita, specie quando gli uomini di Sottil alzano il baricentro, si riprede subito e sale in cattedra fornendo una buona prestazione. VOTO 7

11) MANCOSU: E’ un esterno dalle caratteristiche atipiche, perché sembra essere più bravo nella fase difensiva che in quell’offensiva. Eppure Mancosu avrebbe la capacità di puntare e saltare l’uomo, cosa necessaria in questo Catanzaro. La sua probabile carente condizione fisica, forse dovuta a una non perfetta preparazione svolta male quando era alla Lupa Roma, lo condiziona in negativo, perché spesso a inizio ripresa sparisce dal gioco. VOTO 6

14)SARAO: Per impegno e attaccamento non si discute. Lotta e pressa su ogni avversario sin dalla partenza dell’azione, spesso le sue sponde non sono lette dai compagni che gli stanno lontano. Un centravanti per essere perfetto dovrebbe essere più incisivo sotto rete e si dovrebbe vedere di più quando in area arrivano cross invitanti. Segna un goal non convalidato, perché Giovinco è in fuorigioco passivo che diventa attivo, quando ostacola il difensore che poteva recuperare. VOTO 6

15) PRESTIA: Solita prestazione positiva condita da un solo errore in fase d’uscita che poteva costare caro. Per il resto Scardina, e chi si trova dalle sue parti, sia nel gioco aereo sia con palla a terra, non passano mai. VOTO 6,5

20) MAITA: Qualche difficoltà di troppo nell’impostare il gioco dovuto anche alla scarsa propensione degli esterni del Catanzaro nel farsi trovare pronti quando c’è da scaricare il pallone. Cresce con il passare dei minuti e nella ripresa sbaglia poco rendendosi anche utile nella fase di pressing sugli avversari recuperando preziosi palloni. VOTO 6

26) IMPERIALE: Il giovane terzino entra in luogo di Sabato ed è bravo a farsi trovare pronto. E’ bravo in difesa nel coprire la sua fascia di competenza e si propone anche in avanti, fornendo un perfetto assist a Giovinco che non ci arriva per un soffio. VOTO 6,5

24) CEDRIC: Entra e sbaglia subito il primo appoggio che potrebbe condizionarlo. Poi si riprende e per due volte è bravo mettendo al centro, prima un cross delizioso che Sarao vede passare e poi provando una conclusione da fuori. E’ giovane e deve sicuramente migliorare soprattutto nei movimenti del gioco di squadra. VOTO 6

9) GOMEZ: Impossibile dare un voto con soli dieci minuti in campo. Visto però meglio rispetto alle ultime apparizioni. Anche lui dovrà trovare fiducia perché nelle sue due prime presenze in giallorosso (Paganese e Akragas) non aveva per niente giocato male. S.V

MISTER ERRA: Perde alcuni titolari ma riesce comunque a mettere insieme una squadra che non sfigura davanti a un avversario in forma. Legge bene la partita schierando una squadra corta e compatta che dopo la sconfitta di Reggio poteva essere scarica e demotivata. Dovrà continuare su questa scia se vuole compiere un’impresa che con il torneo che volge al termine diventa sempre più difficile. VOTO 6

Salvatore Ferragina







Questo Articolo proviene da UsCatanzaro.net
http://www.uscatanzaro.net

L'URL per questa storia è:
http://www.uscatanzaro.net/modules.php?name=News&file=article&sid=37062