Fiamme al Parco della BiodiversitÓ [video all'interno]
Data: Gio, 12 lug 2012 20:06 CEST
Argomento: Catanzaro Night News


Wanda Ferro ringrazia chi si sta prodigando per salvare il patrimonio naturalistico


(Il video di cizetatv)

 

I Vigili del Fuoco di Catanzaro sono impegnati da questa mattina a domare un vasto incendio che sta interessando la zona verde del Parco della Biodiversità. Sono tre le squadre dei pompieri presenti sul posto, i quali sono riusciti a domare le fiamme che minacciavano la zona attrezzata del Parco mentre sono ancora alte quelle che interessano la parte sottostante, quella della Valle dei Mulini. Pare che l’incendio si sarebbe propagato da tre punti differenti.

 

Di seguito la nota diffusa dalla Provincia di Catanzaro: “Desidero ringraziare quanti si stanno prodigando per salvare dalle fiamme l’immenso patrimonio naturalistico e le strutture del Parco della Biodiversità Mediterranea”. Lo afferma il presidente della Provincia di Catanzaro, Wanda Ferro. Il vasto incendio, divampato nella tarda mattinata e alimentato dal forte vento, ha aggredito il costone del parco prospiciente la tangenziale ovest: per domare le fiamme, oltre al lavoro delle squadre di emergenza, è stato necessario l’intervento di un Canadair. “Ho potuto apprezzare personalmente – dice Wanda Ferro – il grande sforzo e la competenza del personale intervenuto per affrontare l’incendio.  Per questo rivolgo un sentito ringraziamento ai Vigili del Fuoco, al personale del Corpo Forestale dello Stato, con in testa l’ing. Cucci, dell’Afor, con l’ing. Pierluigi Mancuso, e della Protezione Civile, con Nicola Giancotti, oltre che alle Forze dell’Ordine intervenute a supporto, carabinieri e polizia provinciale. Una volta domate definitivamente le fiamme, gli addetti al Parco, insieme al personale dell’Afor, si metteranno al lavoro per ripristinare i danni riportati dalle staccionate e per recuperare la macchia mediterranea invasa dal fuoco”. 

 







Questo Articolo proviene da UsCatanzaro.net
http://www.uscatanzaro.net

L'URL per questa storia è:
http://www.uscatanzaro.net/modules.php?name=News&file=article&sid=27536