Benvenuto su UsCatanzaro.net GRUPPO DIPO

Catanzaro News
· Racing Fondi-Catanzaro 1-1: gli highlights
· Racing Fondi-Catanzaro 1-1: la Striscia Video
· Racing Fondi - Catanzaro 1-1
· Racing Fondi - Catanzaro 0-1 (primo tempo)
· Racing Fondi-Catanzaro: le formazioni ufficiali
· Racing Fondi-Catanzaro: le probabili formazioni
· Il Fondi sull'orlo del baratro
· Pareggi esterni per Giovanissimi e Allievi
· Al Purificato di Fondi per conquistare la salvezza
· Sette gol nel test amichevole contro la Berretti

[ Mostra altri articoli ]



[ Invia una notizia ]
[ Archivio News ]
[ Il Forum sul Catanzaro ]


Catanzaro Night News
· Catanzaropoli e Multopoli, sar un unico processo
· Resistenza e minaccia a Pubblico Ufficiale, arrestato straniero 34enne
· Su Giovino non si costruisce, sentenza del Tar. Plauso di Bruno
· Interventi di edilizia a Caraffa, Regione chiede diversa soluzione al sindaco
· Intrappolato nel tombino, vigili salvano cucciolo
· Figlio minaccia e ferisce la madre per denaro
· La droga nel motore, scoperto e arrestato
· Sequestro beni a imprenditori legati al clan Grande-Aracri [VIDEO]
· Per la Zes la Regione ha gi pronti i piani di sviluppo
· Difetti della vista nel bambino, limportanza della visita oculistica in et pediatrica

[ Mostra altri articoli ]



[ Invia una notizia ]
[ Archivio C.N.N. ]
[ Il Forum "La Città" ]


Diventa sostenitore
Aiutaci a diffondere l'informazione libera!


Risultati
Risultati della 36 giornata

 
  - 22-4-2018 0:00
LecceRiposa---
 
  - 22-4-2018 14:30
PaganeseS. Leonzio1-2
CosenzaRende0-3
R. FondiCatanzaro1-1
SiracusaBisceglie1-1
 
  - 22-4-2018 16:30
CasertanaJuve Stabia3-1
RegginaAkragas2-0
 
  - 22-4-2018 18:30
F. AndriaMatera0-1
MonopoliV. Francavilla1-1
 
  - 23-4-2018 20:45
CataniaTrapani1-2

[ Calendario completo ]

Classifica

71Lecce45V. Francavilla
67Catania44Siracusa
67Trapani43Matera
51Juve Stabia41Catanzaro
49Monopoli39Reggina
49Rende39Bisceglie
48Cosenza36F. Andria
47Casertana32Paganese
45S. Leonzio27R. Fondi
6Akragas

[ Classifica dettagliata ]

Prossimo turno 37 giornata

 
  - 29-4-2018 0:00
CatanzaroRiposa
 
  - 29-4-2018 17:30
Juve StabiaSiracusa
S. LeonzioReggina
AkragasR. Fondi
LeccePaganese
TrapaniMonopoli
RendeF. Andria
V. FrancavillaCosenza
MateraCatania
BisceglieCasertana


Utenti online
In questo momento ci sono, 313 Visitatori(e) e 84 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui

Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.

Utility
AvantGo
Wap
I forum
Chat
Download
Links
Sondaggi
Statistiche
Meteo
Segnala questo sito
Cerca nel sito
Gestione account

WebMail

Accesso ad Internet con casella di posta elettronica!

Cerca

 

HexaVision

Sequestro beni a imprenditori legati al clan Grande-Aracri [VIDEO]
Pubblicato da REDAZIONE il Gio, 01 mar 2018 07:15 CET
Contributo di REDAZIONE


Destinatari dei provvedimenti, uno di confisca e l’altro di sequestro, emessi dai Tribunali di Catanzaro e Crotone, su proposta del direttore della stessa Dia
 

Comprendono capitali di aziende, immobili, terreni, rapporti finanziari e polizze assicurative i beni sottratti ieri mattina dalla Dia di Catanzaro a due imprenditori considerati legati al clan Grande Aracri di Cutro.


Destinatari dei provvedimenti, uno di confisca e l’altro di sequestro, emessi dai Tribunali di Catanzaro e Crotone, su proposta del direttore della stessa Dia, sono Pasquale Gianfranco Antonio Barbieri, 72 anni, imprenditore con rilevanti interessi economici nel settore immobiliare turistico-alberghiero, e Salvatore Scarpino, 52 anni.

Quest’ultimo, imprenditore specializzato nella lavorazione del legname, arrestato nell’ambito dell’operazione “Kyterion” da cui è scaturito l’omonimo processo conclusosi nei giorni scorsi con la condanna di 11 persone, dovrà scontare 10 anni di carcere. Entrambi gli imprenditori sono ritenuti contigui alla cosca di ‘ndrangheta di Cutro facente capo al boss Nicolino Grande Aracri.

I decreti sono scaturiti da accertamenti di natura patrimoniale condotti dalla Dia di Catanzaro riguardanti un arco temporale di circa venti anni.

Più in particolare , il Tribunale di Catanzaro ha formulato un giudizio di pericolosità sociale su Barberio, anche alla luce, si legge negli atti, dei “rapporti di natura economica accertati come intercorrenti” con il boss, concretizzati nell’affidamento a Barberio, nel 2000, di una rilevante somma (un miliardo e mezzo di lire) da parte di Grande Aracri, prima che fosse arrestato”.

Per quanto riguarda Scarpino, il Tribunale di Crotone, a fondamento del giudizio di pericolosità sociale nei confronti dell’imprenditore, a cui è stata anche applicata la misura della sorveglianza speciale per tre anni con l’obbligo di soggiorno nel comune di residenza, ha messo in luce la sua attività attraverso “operazioni finanziarie e bancarie e investimenti commerciali”, anche con l’ausilio di prestanomi, evidenziandone i contatti “diretti e frequenti” con Grande Aracri, al quale avrebbe anche procurato contatti con settori istituzionali “anche per il tramite di ordini massonici e cavalierati”. Dei 15 milioni di euro sequestrati o confiscati, 12 sarebbero riconducibili a Barberio e 3 a Scarpino. I provvedimenti di sequestro e confisca hanno riguardato 15 tra società e compendi sociali, 79 tra terreni e fabbricati, 14 rapporti finanziari, 7 polizze assicurative e un’autovettura. L’esito dell’attività della Dia è stato illustrato in una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il capo centro della Dia di Reggio Calabria, Teodosio Marmo, il capo della sezione operativa della Dia di Catanzaro, Antonio Turi, e Michele Conte, responsabile indagini patrimoniali della Dia di Catanzaro.

“Si tratta – ha esordito Marmo – di un’operazione che rientra nella nostra strategia di investigazione patrimoniale, tesa ad aggredire le ricchezze illecitamente accumulate dalle cosche ‘ndranghetiste”. Nel dettaglio, i provvedimenti di natura patrimoniale eseguiti dalla Dia rappresentano l’appendice di risultanze investigative nei confronti della “locale” Grande Aracri di Cutro derivanti da indagini compiute in un arco temporale lungo quasi 20 anni, dall’operazione “Scacco Matto” degli inizi degli anni 2000 alla più recente operazione “Kyterion”.

“L’aspetto interessante – ha spiegato Turi – è il fatto che la nostra azione si è concentrata su due settori, come quello della filiera del legno e quello turistico-alberghiero, sui quali maggiormente si concentrano gli appetiti della ‘ndrangheta e il riciclaggio di denaro sporco da parte delle cosche”. A carico di Barberio, imprenditore originario di Lamezia Terme con rilevanti interessi economici nel settore immobiliare e in quello turistico e alberghiero a Isola Capo Rizzuto ma anche a Roma e nel Lazio, la Direzione investigativa antimafia ha dato esecuzione a un provvedimento di sequestro sul presupposto della pericolosità sociale “anche alla luce dei rapporti di natura economica intercorrenti – ha spiegato a sua volta Conte – con il boss Nicolino Grande Aracri”, e della sproporzione “rilevante” tra i redditi dichiarati e i beni effettivamente posseduti.

Pericolosità sociale e “rilevante” sproporzione tra redditi dichiarati e beni posseduti sono alla base anche del provvedimento di confisca eseguito dalla Dia catanzarese nei confronti di Salvatore Scarpino.

Il servizio video di RTC CALABRIA



Segui CNN su Twitter
Links Correlati
· USCatanzaro.net
· Altre notizie Catanzaro Night News
· News by REDAZIONE


Articolo più letto relativo a Catanzaro Night News:
Abramo-Cosentino: in serata il primo incontro


Gradimento articolo
Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo articolo:

Scarso
Sufficiente
Buono
Ottimo
Eccellente



Opzioni

Pagina stampabile  Pagina stampabile

Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

"Login" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Powered by ECSnet - Designed by IDEAWEB

www.uscatanzaro.net il media di distribuzione del periodico telematico "Sanguinis Effusione"
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma, Sezione per la Stampa e l'Informazione con numero 49/2003
Direttore Responsabile Francesco Ceniti.
L'Editore della Testata l'Associazione "Il Catanzaro nel Cuore - Sanguinis Effusione", con sede in Roma.
Il Presidente dell'Associazione Gennaro Maria Amoruso.
"Sanguinis Effusione" ha periodicit plurisettimanale ed ha carattere sociale, culturale, di costume e sportivo.
Informiamo gli utenti che tutti i Forum di questo sito, sono liberi, e data la mole di post inseriti, non possibile verificarne sempre i contenuti.
L'uso costruttivo degli stessi a carico del buon senso degli utilizzatori.

Visualizza la Policy sulla Privacy | Visualizza la Policy sui Cookie


Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.149 Secondi