Benvenuto su UsCatanzaro.net VILLA FATA

Catanzaro News
· Il discorso del re
· Il Catanzaro su tre under
· Money Gate, parla Noto: "Niente destabilizzerà il nostro progetto"
· Tavares verso la rescissione
· Un difensore all'esordio nel girone del Sud
· UFFICIALE: Giacomo Gambaretti approda in giallorosso
· Catanzaro al lavoro. Previsti nuovi arrivi e qualche partenza
· Catanzaro, è fatta per Puntoriere
· Riggio, linea verde per la retroguardia giallorossa
· UFFICIALE: Arriva in prestito Cristian Riggio

[ Mostra altri articoli ]



[ Invia una notizia ]
[ Archivio News ]
[ Il Forum sul Catanzaro ]


Catanzaro Night News
· Perseguita ex, domiciliari in casa cura
· Gay rifiutati da casa vacanze in Calabria: 'no gay e animali'
· A Catanzaro la riunione operativa per discutere delle criticità degli impianti sportivi
· Un fusto sulla spiaggia di Sellia, era solo uno scaldabagno
· Calci e pugni per una mancata precedenza, grave un 56enne
· Aperti area giochi e campi sportivi a parco Genziana
· "Carriere spezzate" da oggi in edicola il libro
· A fuoco il Lido Lo Jonio a Giovino
· Marco Polimeni eletto presidente dell’assemblea di palazzo De Nobili
· Una petizione on line per la rotatoria di Giovino

[ Mostra altri articoli ]



[ Invia una notizia ]
[ Archivio C.N.N. ]
[ Il Forum "La Città" ]


Diventa sostenitore
Aiutaci a diffondere l'informazione libera!


Risultati
Risultati Spareggi

 
  - 28-5-2017 16:00
AkragasMelfi1-1
 
  - 28-5-2017 17:00
ViboneseCatanzaro1-1

[ Calendario completo ]

Classifica

85Foggia47Catania
74Lecce47F. Andria
65Matera45Reggina
64Juve Stabia42Monopoli
57Siracusa42Messina
57V. Francavilla39Akragas
55Cosenza39Vibonese
50Paganese38Catanzaro
49Fondi34Melfi
49Casertana30Taranto

[ Classifica dettagliata ]

Turno Spareggi

 
  - 28-5-2017 16:00
AkragasMelfi
 
  - 28-5-2017 17:00
ViboneseCatanzaro


Utenti online
In questo momento ci sono, 547 Visitatori(e) e 205 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui

Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.

Utility
· AvantGo
· Wap
· I forum
· Chat
· Download
· Links
· Sondaggi
· Statistiche
· Meteo
· Segnala questo sito
· Cerca nel sito
· Gestione account

WebMail

Accesso ad Internet con casella di posta elettronica!

Cerca

 
Bar Mangialavori: Riprendiamoci la storia
Pubblicato da Redazione il Mar, 04 lug 2017 19:39 CEST
Contributo di Redazione


L'alba di un nuovo giorno per orizzonti a tinte giallorosse
 

La politica è corsa in soccorso del Catanzaro Calcio 2011 S.r.l. ed in men che non si dica il neo-rieletto Sindaco Abramo è riuscito nel proibitivo obiettivo di motivare e poi coinvolgere concretamente il gotha dell’imprenditoria cittadina.

Tutto è bene ciò che finisce bene, ma mai dimenticare tutto ciò che ha preceduto la soluzione finale. Sarebbe un imperdonabile errore da parte di tutti, neo proprietari e tifoseria.


Da una retrocessione evitata grazie alla soffertissima vittoria dei playout merito dei ragazzi che non hanno mollato in momenti in cui lavorare per l’obiettivo sembrava impossibile (non dimentichiamolo mai), ad una retrocessione, o ancora peggio cancellazione, scongiurata dall'intervento di tutto il tessuto imprenditoriale locale che fino ad oggi aveva nicchiato di fronte all'icona cittadina per eccellenza: Il Catanzaro.

Dicevamo, è intervenuto “tutto” il tessuto imprenditoriale, è giusto rimarcarlo. Dai piccoli imprenditori, agli esponenti di livello di Confindustria. Si è giunti così ad una soluzione insperata con il coinvolgimento diretto della famiglia Noto (60%), Mottola D’Amato (20%) al gruppo Arcuri-Cantafora-Meddis-Valenti.

Come se quella intervista all’Ing. Noto di Nico De Luca, che tanto scalpore fece qualche mese addietro, fosse da preludio all’intervento diretto del magnate catanzarese.

È tornato il sereno e ora il sole splende sul futuro delle Aquile. La frase pronunciata da Maurizio Mottola D’Amato "destinazione serie A” in occasione dell’ufficializzazione dell’avvenuto passaggio societario, la dice lunga sui reali intendimenti di chi ha compreso che nel calcio moderno, per raccogliere risultati tangibili anche in termini di fatturato, non si può spalmare troppo nel tempo il raggiungimento degli obiettivi.

Finisce dunque l’era Cosentino che ha lasciato ai suoi successori una società sana da un punto di vista economico, con uno status di disaffezione da parte della tifoseria anche per colpa degli ultimi risultati sportivi e una totale mancanza di comunicazione che il trascorrere del tempo ha contribuito a peggiorare.

Ma è bastato poco per ridestare entusiasmi sopiti da tempo con un vulcano che sta per esplodere a tutto vantaggio di un auspicabile ripopolamento delle gradinate del Nicola Ceravolo che riprenderà ad essere (ce lo auguriamo tutti) un catino inarrivabile di entusiasmo.

Mi evito il riassunto delle “puntate precedenti”, ma contestualmente ci tengo a sottolineare che quanto vissuto dovrà costituire un monito per tutti.

È necessario imparare sia dalle esperienze positive, ma ancor di più da quelle negative. Una promozione in C1, la conquista di un piazzamento playoff, poi persi contro il Benevento di Vigorito, e per finire la conquista della permanenza in Lega Pro ai danni della Vibonese, sono i punti dell’esperienza in giallorosso dell’imprenditore reggino che aveva rilevato la società sull’orlo dell’abisso, investito del ruolo dal sindaco di allora (l’On. Traversa), così come oggi Sergio Abramo si è fatto carico di catalizzare gli step per il passaggio del testimone ai succitati esponenti dell’imprenditoria locale.

La priorità, oltre alla pianificazione dei quadri tecnico-dirigenziali sarà, così come giustamente rimarcato dal primo cittadino, unire la città, testualmente: “Bisogna unire la città che è la cosa più importante. Se andiamo uniti faremo grandi cose”.

Queste parole sono da considerarsi preziose per iniziare a cestinare dissapori malcelati e scorie figlie del passato. Chi non trova pace nel proprio passato non potrà mai avere futuro e la “nostra” pessima Italia (purtroppo) in questo è maestra. Oggi ci sono tutti i presupposti per rifare la storia e creare le basi per un futuro a tinte giallorosse.

Troppi i veleni accumulati, altrettante le divisioni e i dissapori all'interno della tifoseria. Ora basta. Sul serio. Sarà necessario guardare al futuro con uno spirito diverso.

Così come impropriamente e arbitrariamente si è parlato di pro-Cosentino o di anti-Cosentino in passato, così oggi non ci si può permettere il lusso di parlare di “contenti” o “scontenti”. Ma ci siamo bevuti il cervello? Quanto sopra nell'interesse dell’unico bene comune che unisce tutto e tutti: il Catanzaro.


In questi ultimi giorni i ringraziamenti si sono sprecati distribuendoli a destra e a manca. È doveroso salutare e ringraziare Giuseppe Cosentino, unitamente alle figlie Ambra e Gessica, che dopo avere investito sostanze finanziarie, energie e tempo, lasciano quel sodalizio che ha battezzato alla serie A la Calabria, contribuendo a salire un gradino dalla vecchia C2 alla C1 (oggi Lega Pro, domani ancora una volta Serie C).

Ci sono stati momenti iniziali di cielo terso e sole e momenti bui e gelidi, ma anche grazie al percorso tracciato (lo hanno ricordato tutti i protagonisti di queste settimane) , oggi il Catanzaro può riprendere un cammino spedito, alla riconquista di quelle vie smarrite da fin troppo tempo.

Un benvenuto alla Famiglia Noto, a Maurizio Mottola D’Amato e al gruppo Arcuri-Cantafora-Meddis-Valenti degni rappresentanti di un tessuto imprenditoriale locale che, ne siamo certi, parteciperà unito, sempre più attivamente, alle fortune delle Aquile per la riscoperta di una territorialità e un’appartenenza che saranno fondamentali per la crescita comune. Non c’è crescita di sorta se quest’ultima non coinvolge tutto il tessuto produttivo.

Per quanto riguarda noi, la redazione di UsCatanzaro.net sarà sempre vicina alle sorti del “Magico”. Lo è stata sempre, soprattutto nei momenti più bui, informando giornalmente i propri lettori anche con il mare in gran tempesta, figuriamoci con le attuali, incoraggianti premesse.

Oggi l’impareggiabile popolo giallorosso attende più che mai speranzoso che una notte durata troppo a lungo partorisca una nuova alba, perché le Aquile sono fatte solo per volare.

Buon lavoro a tutti. Avanti Catanzaro, riconquistiamo insieme la storia!

Giuseppe Mangialavori



Segui UsCatanzaro.net su Twitter
Links Correlati
· USCatanzaro.Net
· Altre notizie Catanzaro News
· News by Redazione


Articolo più letto relativo a Catanzaro News:
Il nuovo Logo del FC Catanzaro


Gradimento articolo
Punteggio: 5
Voti: 1


Vota per questo articolo:

Scarso
Sufficiente
Buono
Ottimo
Eccellente



Opzioni

Pagina stampabile  Pagina stampabile

Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

"Login" | Login/Crea Account | 9 commenti | Cerca discussione
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: Riprendiamoci la storia (Voto: 1)
di aquiladelnord il Mar, 04 lug 2017 19:57 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Personalmente ringrazio anche Erra che ci ha salvato per ben due volte in condizioni disastrose, per me merita una statua anche perché con coraggio si è opposto a preiti.



Re: Riprendiamoci la storia (Voto: 1)
di essereononessere il Mar, 04 lug 2017 19:58 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Beavo Giuseppe. Concordo pienamente. Ho gia detto l'altro giorno anch'io che nel calcio moderno una societa' di calcio e' una azienda. E una azienda non puo' procastinare troppo in la il raggiungimento degli obiettivi. Quindi organizzazione e non programmazione.



Re: Riprendiamoci la storia (Voto: 1)
di essereononessere il Mar, 04 lug 2017 20:39 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
La curva del Catanzaro si e' sempre distinta per correttezza e fair play. Il fatto che ogni tanto si lanci qualche petardo per quanto non corretto ma capita anche nelle buone famiglie. La curva e il tifo organzzato e' fatto di brave persone. Qualche daspo servirebbe per qualche cialtrone che posta feseerie contro la ovest



Re: Riprendiamoci la storia (Voto: 1)
di pillo2008 il Mar, 04 lug 2017 20:40 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Santa Cleopatra......<br /> <br /> staju ciangendu......



Re: Riprendiamoci la storia (Voto: 1)
di Pereira il Mar, 04 lug 2017 21:30 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Appello degli Antichi Tessitori a Preiti. "Fatti da parte". Proprio adesso che doveva trovare il sarto giusto.



Re: Riprendiamoci la storia (Voto: 1)
di aquiladelnord il Mar, 04 lug 2017 21:33 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Concordo quando si prendono provvedimenti forti contro la violenza negli stadi, ma adesso stanno esagerando, non si può neanche urlare arbitro cornuto che era un classico riportato anche in molti film, anche i fumogeni non mi sembra possano far male a qualcuno. Odio il calcio asettico, il calcio dei soldi e delle partite infrasettimanali, il calcio senza coppa delle coppe e con una coppa dei campioni con troppe squadra. Insomma forse sono vecchio.



Re: Riprendiamoci la storia (Voto: 1)
di osso il Mar, 04 lug 2017 22:04 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Concordo su Erra. Dopo quello che aveva subito da Preiti, ha fatto un miracolo salvandoci in un contesto difficilissimo. Grazie Erra!



Re: Riprendiamoci la storia (Voto: 1)
di AquilaCanarina il Mer, 05 lug 2017 01:31 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
""Ma è bastato poco per ridestare entusiasmi sopiti da tempo con un vulcano che sta per esplodere a tutto vantaggio di un auspicabile ripopolamento delle gradinate del Nicola Ceravolo che riprenderà ad essere (ce lo auguriamo tutti) un catino inarrivabile di entusiasmo."" <br /> N.B. Riporto il suddetto virgolettato dell'articolo firmato Mangialavori aggiungendo che l'entusiasmo della tifoseria giallorossa supererà anche la devastante forza accumulata dal vulcano Marsili (Mar Tirreno). In poche parole....ENTUSIASMO, GIOCANO LE AQUILE!!!



 

Powered by ECSnet - Designed by IDEAWEB

www.uscatanzaro.net è il media di distribuzione del periodico telematico "Sanguinis Effusione"
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma, Sezione per la Stampa e l'Informazione con numero 49/2003
Direttore Responsabile è Francesco Ceniti.
L'Editore della Testata è l'Associazione "Il Catanzaro nel Cuore - Sanguinis Effusione", con sede in Roma.
Il Presidente dell'Associazione è Gennaro Maria Amoruso.
"Sanguinis Effusione" ha periodicità plurisettimanale ed ha carattere sociale, culturale, di costume e sportivo.
Informiamo gli utenti che tutti i Forum di questo sito, sono liberi, e data la mole di post inseriti, non è possibile verificarne sempre i contenuti.
L'uso costruttivo degli stessi è a carico del buon senso degli utilizzatori.

Visualizza la Policy sulla Privacy | Visualizza la Policy sui Cookie


Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.195 Secondi