Benvenuto su UsCatanzaro.net GRUPPO DIPO

Catanzaro News
· Buona la prima uscita stagionale per i giallorossi. La società continua a lavorare sul mercato
· Domani la prima amichevole stagionale
· Il discorso del re
· Il Catanzaro su tre under
· Money Gate, parla Noto: "Niente destabilizzerà il nostro progetto"
· Tavares verso la rescissione
· Un difensore all'esordio nel girone del Sud
· UFFICIALE: Giacomo Gambaretti approda in giallorosso
· Catanzaro al lavoro. Previsti nuovi arrivi e qualche partenza
· Catanzaro, è fatta per Puntoriere

[ Mostra altri articoli ]



[ Invia una notizia ]
[ Archivio News ]
[ Il Forum sul Catanzaro ]


Catanzaro Night News
· Sfondato bancomat, "prelievo£ di ventimila euro
· Conto alla rovescia per il Mgff, tecnici al lavoro nel piazzale del porto
· Il gran caldo si prende una pausa
· Un arresto per usura nel catanzarese
· Operazione Safety Car, tutti a processo
· Perseguita ex, domiciliari in casa cura
· Gay rifiutati da casa vacanze in Calabria: 'no gay e animali'
· A Catanzaro la riunione operativa per discutere delle criticità degli impianti sportivi
· Un fusto sulla spiaggia di Sellia, era solo uno scaldabagno
· Calci e pugni per una mancata precedenza, grave un 56enne

[ Mostra altri articoli ]



[ Invia una notizia ]
[ Archivio C.N.N. ]
[ Il Forum "La Città" ]


Diventa sostenitore
Aiutaci a diffondere l'informazione libera!


Risultati
Risultati Spareggi

 
  - 28-5-2017 16:00
AkragasMelfi1-1
 
  - 28-5-2017 17:00
ViboneseCatanzaro1-1

[ Calendario completo ]

Classifica

85Foggia47Catania
74Lecce47F. Andria
65Matera45Reggina
64Juve Stabia42Monopoli
57Siracusa42Messina
57V. Francavilla39Akragas
55Cosenza39Vibonese
50Paganese38Catanzaro
49Fondi34Melfi
49Casertana30Taranto

[ Classifica dettagliata ]

Turno Spareggi

 
  - 28-5-2017 16:00
AkragasMelfi
 
  - 28-5-2017 17:00
ViboneseCatanzaro


Utenti online
In questo momento ci sono, 464 Visitatori(e) e 186 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui

Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.

Utility
· AvantGo
· Wap
· I forum
· Chat
· Download
· Links
· Sondaggi
· Statistiche
· Meteo
· Segnala questo sito
· Cerca nel sito
· Gestione account

WebMail

Accesso ad Internet con casella di posta elettronica!

Cerca

 
Invasioni di Campo: Febbre a novanta
Pubblicato da ivan pugliese il Mer, 05 dic 2012 13:00 CET
Contributo di ivan pugliese


Il romanzo-gioiello di Hornby è una bibbia per i tifosi di calcio ad ogni latitudine. Di Emanuele Ferragina

“Mi innamorai del calcio come mi sarei innamorato delle donne: improvvisamente, inesplicabilmente, acriticamente, senza pensareal dolore o allo sconvolgimento che avrebbe portato con sé”. (Nick Hornby).

 

 

Fa freddo, un freddo boia. Sono rinchiuso nel soggiorno della mia casetta, una di quelle casette tutte uguali tipiche della perfida albione, una di quelle casette a mattoni, abitata fino a trent’anni fa dalla working class inglese ed oggi residenza di accademici precari e radicali. Una casetta a due piani, con le finestre che si chiudono male, i rubinetti che non possono mescolare acqua calda e fredda, i muri sottili e un giardino da usare due o tre pomeriggi l’anno. Le candele, per fortuna, rendono romantica una serata d’inverno cominciata troppo presto, Baba O’riley risuona in sottofondo, e un the fumante prodotto in qualche sperduta regione indiana mi bruciacchia le dita e il palato a ogni sorso. 

E in questo salotto scarno e post-moderno, figlio della fine della civiltà industriale, dove albergano libri, film, un proiettore e poltrone orwelliane, il mio spirito inquieto incontra quello di un'Inghilterra che non esiste più. Un’Inghilterra fatta di fabbrica e sudore, stadi e gradinate di legno; un’Inghilterra dove il calcio andava raramente in televisione.

Aveva proprio ragione Nick Hornby: una persona che perde il senno per una partita di calcio non è un idiota. Anzi. Lo stadio è il simbolo principe di una comunità virtuale e reale, che per qualche ora unisce il disoccupato, il magazziniere, il lavoratore precario, il maresciallo, l’operaio, l’avvocato e persino il professore universitario. Non è un caso che la febbre a novanta sale proprio all'inizo di dicembre. Quando un rapido sguardo al calendario, appeso maldestramente sul muro, mi ricorda che fra poco più di venti giorni gusterò di nuovo quell’abbraccio. Sempre al solito posto, sempre con gli stessi attori.

Sento i commenti dell’improvvisato cronista di novantesimo minuto, scriva subba a schedina ca signau u figliu e Bierhoff, sento zio Gianni che si bea perché mi ha sussurrato in anticipo la sostituzione, sento Roberto che mi indica che il difensore centrale avversario è un tipo tosto, vedo mio padre che fa finta di restare impassibile mentre freme al rintocco dell’ultimo minuto. Il calibro dell’avversario non conta, conta essere lì, per quella partita speciale, che sa di tortellini in brodo e paste da scartare. 

Mi sono innamorato del calcio per giornate come questa. Mi sono innamorato all’improvviso, cosi come quando incontri una donna speciale. 

I tifosi delle squadre di calcio sono tutti così. Pensano prima di tutto che la loro squadra sia unica e che nessuna, nessuna tifoseria al mondo, possa emulare quelle gesta, quelle trasferte epiche che si perdono nel ricordo e nella leggenda. E poi, ancora più sorprendentemente, pensano che la loro relazione con la squadra di calcio sia unica, inimitabile. Solo loro provano il dolore lancinante di un 4 a 0 devastante, la rabbia per una retrocessione decretata a tavolino, la gioia per una promozione inattesa. Ma è proprio in questo paradosso che si esplica la magia e il valore profetico del gioco, la magia di quella febbre che dura novanta minuti. Una febbre, un’infatuazione, che ci fa sentire unici al plurale. 

Ci sono serate come quella di stasera dove mi sento distrutto dopo aver sudato la maglia per due ore di fila e nel tragitto per tornare a casa penso che nella mia vita il calcio mi ha dato molto. Semplicemente questo, mi ha migliorato come persona a livello esponenziale. E’ proprio difficile spiegarlo ai profani”. È vero, caro Roberto, questa è la magia del gioco, una metafora perpetua della vita, una vita che ricomincia ogni anno, sempre diversa e sempre uguale. Un gioco che ci rende uguali e speciali.  

Caro Roberto, vallo a spiegare ai profani.

Emanuele Ferragina




Segui UsCatanzaro.net su Twitter
Links Correlati
· USCatanzaro.Net
· Altre notizie Catanzaro News
· News by ivan pugliese


Articolo più letto relativo a Catanzaro News:
Il nuovo Logo del FC Catanzaro


Gradimento articolo
Punteggio: 3.87
Voti: 49


Vota per questo articolo:

Scarso
Sufficiente
Buono
Ottimo
Eccellente



Opzioni

Pagina stampabile  Pagina stampabile

Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

"Login" | Login/Crea Account | 14 commenti | Cerca discussione
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: Febbre a novanta (Voto: 1)
di cosmopolitan il Mer, 05 dic 2012 19:53 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Grazie a tutti per i vostri commenti.
Le vostre parole mi invitano a continuare a buttare su carta le emozioni tinte di giallorosso e non solo.

Perche' il calcio e' la piu' bella metafora della vita come mi ha insegnato Soriano.

Tra quei 11 uomini c'e' posto per tutti...
Per il cuore di Bugatti e per la tecnica di Palanca...



Re: Febbre a novanta (Voto: 1)
di frasiloda il Mer, 05 dic 2012 21:53 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
ciao emanuele per me e' stato un piacere conoscerti a cz a maggio ed essermi fatto una foto con te e' sirignano ,peccato che quel sabato non siamo riusciti a trovar 10 tifosi disposti a fare una partita di calcetto un'abbraccio sincero da francesco fruci,roma



Re: Febbre a novanta (Voto: 1)
di MILANOGIALLOROSSO il Mer, 05 dic 2012 15:42 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Penso a quando saremo in B con con il nostro presidente!! Sarà FEBBRE DA CAVALLO!!!!!! Complimenti per il pezzo da 90!



Re: Febbre a novanta (Voto: 1)
di Giamma il Mer, 05 dic 2012 17:30 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Grazie Emanuele,
grazie per gli stupendi articoli che scrivi di tanto in tanto da cui trasuda tutto il tuo attaccamento ad una città, ma soprattutto a due colori che riempiono i sogni di tutti noi.
Noi tutti aggrappati ad una fede lasciataci in eredità e da cui non vogliamo minimamente distaccarci, anzi.
Complimenti.



Re: Febbre a novanta (Voto: 1)
di ITALOS il Mer, 05 dic 2012 13:23 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
mi innamorai, grazie a questo libro,della lettura, come mi sarei innamorato delle donne:
improvvisamente, inesplicabilmente, acriticamente, senza pensare al dolore o allo sconvolgimento che avrebbe portato con se' la conoscenza e la presa di coscienza di fatti e notizie che avrebbero cambiato inesorabilmente il mio modo di guardare al mondo...grazie hornby, da sempre profanatore illustre del mio modo di essere...



Re: Febbre a novanta (Voto: 1)
di aeffe il Mer, 05 dic 2012 13:24 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
A presto Emanuele...la perfida Albione non cambierà mai il modo di essere di un tifoso giallorosso...preparati a sudare la maglia di qua durante le vacanze! Una curiosità: l'autore tifava per un team londinese,vero..un abbraccio , Aquile alè ,AF



Re: Febbre a novanta (Voto: 1)
di CALABRIAGIALLOROSSA il Mer, 05 dic 2012 13:28 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio) http://www.uscatanzaro.net
pilorcio



Re: Febbre a novanta (Voto: 1)
di AquilottoRapace il Mer, 05 dic 2012 14:14 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Complimenti Emanuele, bel pezzo ;)

ma riguardo questo pezzo "I tifosi delle squadre di calcio sono tutti così. Pensano prima di tutto che la loro squadra sia unica e che nessuna, nessuna tifoseria al mondo, possa emulare quelle gesta, quelle trasferte epiche che si perdono nel ricordo e nella leggenda."

lo penso anch'io che la nostra tifoseria è la migliore del mondo e nessun'altra potrà emulare le nostre gesta... ma è un dato di fatto incontrovertibile... non ho mai visto nessuna tifoseria andare in 12.000 a 600-700 km di distanza per festeggiare una promozione in serie B... ;) siamo unici
un saluto giallorosso



 

Powered by ECSnet - Designed by IDEAWEB

www.uscatanzaro.net è il media di distribuzione del periodico telematico "Sanguinis Effusione"
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma, Sezione per la Stampa e l'Informazione con numero 49/2003
Direttore Responsabile è Francesco Ceniti.
L'Editore della Testata è l'Associazione "Il Catanzaro nel Cuore - Sanguinis Effusione", con sede in Roma.
Il Presidente dell'Associazione è Gennaro Maria Amoruso.
"Sanguinis Effusione" ha periodicità plurisettimanale ed ha carattere sociale, culturale, di costume e sportivo.
Informiamo gli utenti che tutti i Forum di questo sito, sono liberi, e data la mole di post inseriti, non è possibile verificarne sempre i contenuti.
L'uso costruttivo degli stessi è a carico del buon senso degli utilizzatori.

Visualizza la Policy sulla Privacy | Visualizza la Policy sui Cookie


Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.156 Secondi