Benvenuto su UsCatanzaro.net GRUPPO DIPO

Catanzaro News
· Ufficiale: Onescu è un giocatore del Catanzaro
· Catanzaro: si avvicina Onescu
· Le disignazioni arbitrali della prima giornata
· C.I. Reggina - Catanzaro 1-0: le pagelle
· Stadio Ceravolo, riaprono parzialmente i Distinti
· Sconfitta che può starci nella trasferta che non ti aspetti
· Erra addebita la sconfitta al calo fisico nella ripresa
· Oggi è il 21 agosto, Buon Compleanno O'rey
· CI, Reggina-Catanzaro 1-0: la striscia video
· Falcone, l'ala che arriva con un anno di ritardo

[ Mostra altri articoli ]



[ Invia una notizia ]
[ Archivio News ]
[ Il Forum sul Catanzaro ]


Catanzaro Night News
· Brucia la pineta di Siano
· Assessore Mungo, dopo l'aggressione gomme squadciate a un auto della famiglia
· Pastore tedesco aggredisce un'anziana
· Sorpreso mentre intasca "pizzo",arresto
· Vigili del fuoco: rinvenuto fusto sospetto a Gizzeria Lido
· Auto in fiamme provoca incendio, evacuate abitazioni
· Appena diciottenne spaccia droga, arrestato
· Si prevede un Ferragosto con buonu numeri per la Calabria
· Goletta Verde, in 40% campioni di mare batteri off limits
· Fra oggi e domenica clima più fresco anche al Centro Sud

[ Mostra altri articoli ]



[ Invia una notizia ]
[ Archivio C.N.N. ]
[ Il Forum "La Città" ]


Diventa sostenitore
Aiutaci a diffondere l'informazione libera!


Risultati
Risultati Spareggi

 
  - 28-5-2017 16:00
AkragasMelfi1-1
 
  - 28-5-2017 17:00
ViboneseCatanzaro1-1

[ Calendario completo ]

Classifica

85Foggia47Catania
74Lecce47F. Andria
65Matera45Reggina
64Juve Stabia42Monopoli
57Siracusa42Messina
57V. Francavilla39Akragas
55Cosenza39Vibonese
50Paganese38Catanzaro
49Fondi34Melfi
49Casertana30Taranto

[ Classifica dettagliata ]

Turno Spareggi

 
  - 28-5-2017 16:00
AkragasMelfi
 
  - 28-5-2017 17:00
ViboneseCatanzaro


Utenti online
In questo momento ci sono, 255 Visitatori(e) e 12 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui

Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.

Utility
· AvantGo
· Wap
· I forum
· Chat
· Download
· Links
· Sondaggi
· Statistiche
· Meteo
· Segnala questo sito
· Cerca nel sito
· Gestione account

WebMail

Accesso ad Internet con casella di posta elettronica!

Cerca

 
Invasioni di Campo: La dignità nell'oblio
Pubblicato da redazione il Mer, 19 set 2012 17:00 CEST
Contributo di redazione


Viorel Nastase, ritratto da sogno di un campione mancato

Ho sempre subito la fascinazione dei campi di periferia. Polverosi e lontani. Luoghi d’aggregazione di quartieri sperduti, teatri improvvisati di indimenticabili storie tristi che fanno parte del quotidiano della gente normale. Luoghi senza tempo, luoghi indefiniti, non importa davvero se sei a Villa Fiorito, Mar de La Plata, Pau Grande, Săcele, Bucarest o Santa Maria. Quello che conta è l’esistenza di uno spiazzo abbastanza grande da contenere due porte, i sogni di 22 ragazzini e un pallone di cuoio che rotola impazzito. 

E cosi vagando nell’estremo occidente, mi sono ritrovato seduto sui gradini di un campetto all’estrema periferia di Buenos Aires. Stanco della mia corsetta sono stato attratto subito da una partitella che si svolgeva tra le case diroccate nel più completo silenzio. Nulla da rimarcare, nessun calciatore dalla tecnica sopraffina o elaborate strategie tattiche. Solo un dettaglio. L’allenatore della squadra in maglia giallorossa. Si stagliava in piedi con la dignità di chi, quello sport lo aveva vissuto da protagonista. Asciutto, con i folti capelli ricci ormai canuti, lasciava trasparire uno sguardo triste, pensoso e solitario. Il suo volto era duro ma gentile.

Rimasi a fissarlo fino al termine dell’incontro. Perso tra i miei pensieri mi sentii chiamare da una voce penetrante. Hola che! Qué tal? Cómo te va? Era l’allenatore. Il suo spagnolo era buono ma lasciava trasparire una chiara inflessione straniera. Un’inflessione che mi era familiare. Risposi timidamente con il mio spagnolo stentato. “Nada, Estás italiano?”. Lui scosse il capo, e rispose in italiano: sono rumeno, ma diamine se conosco il tuo paese, ragazzo. Ci ho abitato per tre anni.

Davvero? Risposi. E come ti sei trovato? Il tuo paese ragazzo è stato il mio primo sorso di libertà. Un sorso così lungo da ubriacarmi. Ero un calciatore professionista, giocavo per una squadra del sud, una cittadina sperduta della quale la gente all’estero non conosce il nome. Vestivamo una maglietta a righine strette, strette giallorosse.

Le sue parole mi colpirono. Capii subito, che, ancora una volta il caso mi aveva messo di fronte ad un personaggio straordinario. Un personaggio che aveva albergato nella mia fantasia e nei racconti di mio padre sin dall’infanzia. Ma non lo diedi a vedere e continuai a conversare con il mio interlocutore.

Davvero? E che squadra era? Il Catanzaro, conosci?

 Certo rispondo, una squadra con una storia gloriosa alle spalle, ma ora… lo so, ragazzo, sono in terza divisione. Li seguo sempre. Hanno avuto periodi difficili da quando me ne sono andato in una piovosa giornata di Febbraio 28 anni fa, però ultimamente sembra che stiano risalendo la china. Proprio come me. Da quelle parti, non ho lasciato un grande ricordo. Sono sicuro che se qualcuno pronuncia il mio nome, lo fa solo per ridere un po’.

 

Sai, ragazzo, ero un buon attaccante, una promessa. A diciassette anni esordii nella serie A rumena e a 18 in nazionale. Ho giocato al fianco di gente come Iordanescu e Voller, ed ho fatto pure un centinaio di goals. Ma questo adesso non conta più. Il mio desiderio di assaporare la vita, mi portò all’eccesso, e così per scappare dal comunismo sono diventato schiavo dell’alcool e della finta libertà del mondo occidentale. Sono stato ingenuo ma questo non conta più.

Ora mi piace vivere all’ombra di me stesso. Vivere nell’oblio. Da quando sono in Argentina non ho parlato con nessuno di questa storia. Nessuno dei miei ragazzi conosce il mio passato di calciatore professionista, nessuno conosce il mio viaggio di sola andata dal successo alla polvere. Ho ritrovato la mia dignità dimenticando quel periodo. L’eredita’ dei miei goal, di quegli errori e di quell’opportunità mancata hanno pesato su di me come un macigno. Per tanti, troppi anni. Dovetti scappare per la vergogna. Oggi vivo silenzioso, nella mia casa solitaria, allenando un gruppo di ragazzi che sperano un giorno di diventare campioni. Vivere senza le luci della ribalta mi ha permesso di tornare uomo. Sì, tornare uomo, abbandonando un percorso che mi avrebbe ucciso.

 

Posso chiederti un’ultima cosa? Certo ragazzo chiedi pure, per te non ho segreti, sei uno straniero, e cosi come hai passato due ore su questi gradini, domani sarai solo un’altra ombra del passato.

 Che cosa hai fatto in questi ultimi 28 anni?

Sono andato a letto presto cercando di trovare un modo per ricominciare. Ero un traditore nel mio paese, un ridicolo buffone in Italia, così dopo aver letto qualche libro sul Sudamerica ho deciso di intraprendere un lungo viaggio. Un viaggio che mi ha portato qui. Qui nessuno pensa che sia un ubriacone scansafatiche o un clown. La gente apprezza il mio onesto lavoro e la mia valigia progressivamente è diventata leggera. Tanto mi basta. Tanto mi basta per guardarmi allo specchio ogni mattina.  E cosi dicendo si congedò dalla conversazione.

Mi lasciò lì, seduto sui gradini, con lo sguardo perso a immaginare il suo sinistro, un sinistro che prometteva di essere bello e potente come quello di Palanca, e che invece, si e’ perso per sempre in un pomeriggio di Ottobre. 

Emanuele Ferragina




Segui UsCatanzaro.net su Twitter
Links Correlati
· USCatanzaro.Net
· Altre notizie Catanzaro News
· News by redazione


Articolo più letto relativo a Catanzaro News:
Il nuovo Logo del FC Catanzaro


Gradimento articolo
Punteggio: 4.41
Voti: 68


Vota per questo articolo:

Scarso
Sufficiente
Buono
Ottimo
Eccellente



Opzioni

Pagina stampabile  Pagina stampabile

Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

"Login" | Login/Crea Account | 13 commenti | Cerca discussione
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: La dignità nell'oblio (Voto: 1)
di ciuciulurzu il Mer, 19 set 2012 18:09 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Splendido



Re: La dignità nell'oblio (Voto: 1)
di ugrassu il Mer, 19 set 2012 18:52 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
anche se amante delle osterie, non era un cattivo ragazzo, avrebbe meritato migliori fortune



Re: La dignità nell'oblio (Voto: 1)
di paolcz il Mer, 19 set 2012 18:58 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Ce lo ricordiamo tutti: è stato un pò una delusione perchè era lo straniero del Catanzaro e ci spettavamo grandi cose, comunque credo che nessuno lo ricordi come un clown o con disprezzo.
E poi............ se ricorda Catanzaro e addirittura segue ancora il Catanzaro allora non possiamo che volergli bene................forza Viorel ritorna a trovarci, magari nella serie dove ci hai lasciati !!!



Re: La dignità nell'oblio (Voto: 1)
di archibald il Mer, 19 set 2012 19:00 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
equelsorsoufhutthiu....



Re: La dignità nell'oblio (Voto: 1)
di CALABRIAGIALLOROSSA il Mer, 19 set 2012 19:12 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio) http://www.uscatanzaro.net
che pezzi, che piacevole lettura



Re: La dignità nell'oblio (Voto: 1)
di cicciodaroma il Mer, 19 set 2012 20:55 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Caro Ferragina complimenti! sai per chi come me ha vissuto da bambino a due passi dai distinti Nastase era il sogno esotico che si realizzava: il primo straniero del Catanzaro ; piu' di un Luter Blisset qualsiasi, antesignano di Alenikov e Zavarov nessuno di costoro ebbe una grande fortuna,la liberta' esigeva un prezzo salato....Eppure Violer aveva segnato quattro reti al Barcellona in coppa campioni....le premesse erano ben altre!!!l'ultimo ricordo e' lui nella putìca di Don Agazio al "Barraccone" a commentare il magnifico sinistro di Palanca......



Re: La dignità nell'oblio (Voto: 1)
di pillo2008 il Gio, 20 set 2012 09:13 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Sembra abbia ucciso un sogno.
Come tanti han fatto; forse....come tutti.



Re: La dignità nell'oblio (Voto: 1)
di davideGE il Mer, 26 set 2012 12:43 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Grazie per questa finestra aperta sul passato delle NS domeniche.
Ciao Viorel, ti ricordiamo spesso con simpatia e MAI con disprezzo !



 

Powered by ECSnet - Designed by IDEAWEB

www.uscatanzaro.net è il media di distribuzione del periodico telematico "Sanguinis Effusione"
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma, Sezione per la Stampa e l'Informazione con numero 49/2003
Direttore Responsabile è Francesco Ceniti.
L'Editore della Testata è l'Associazione "Il Catanzaro nel Cuore - Sanguinis Effusione", con sede in Roma.
Il Presidente dell'Associazione è Gennaro Maria Amoruso.
"Sanguinis Effusione" ha periodicità plurisettimanale ed ha carattere sociale, culturale, di costume e sportivo.
Informiamo gli utenti che tutti i Forum di questo sito, sono liberi, e data la mole di post inseriti, non è possibile verificarne sempre i contenuti.
L'uso costruttivo degli stessi è a carico del buon senso degli utilizzatori.

Visualizza la Policy sulla Privacy | Visualizza la Policy sui Cookie


Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.188 Secondi