Benvenuto su UsCatanzaro.net GRUPPO DIPO

Catanzaro News
· Akragas: l’ultima spiaggia per inseguire la salvezza
· Il momento della svolta
· Dionigi: «Non dobbiamo più sbagliare la prestazione» [VIDEO]
· Akragas-Catanzaro: arbitra Ricci di Firenze
· Maita: «Mai più abbassare la guardia. Dobbiamo tornare cattivi» [VIDEO]
· Essere o avere
· La ripresa tra i mugugni dei tifosi
· Money Gate, rinvio all'11 aprile
· Money Gate: il giorno del giudizio
· Catanzaro-Sicula Leonzio 0-3: la fotogallery

[ Mostra altri articoli ]



[ Invia una notizia ]
[ Archivio News ]
[ Il Forum sul Catanzaro ]


Catanzaro Night News
· Questura di Catanzaro contro violenza di genere con uno spot
· Rubava energia elettrica, arrestato 40enne
· Tentato furto ed evasione: 40enne pregiudicato ai domiciliari
· Tenta furto in condominio ma viene colto da malore
· Maltempo: prevista neve in Calabria, oggi è allerta gialla
· Vanno in ospedale per un malore e al rientro trovano casa occupata
· Travolse e uccise bimbo a Sellia Marina: confermata la condanna
· Sacal, sono 22 gli indagati
· Il 16 febbraio Twink al Museo del rock
· I numeri del cancro in Calabria nel 2017. Il 13 febbraio la presentazione del li

[ Mostra altri articoli ]



[ Invia una notizia ]
[ Archivio C.N.N. ]
[ Il Forum "La Città" ]


Diventa sostenitore
Aiutaci a diffondere l'informazione libera!


Risultati
Risultati della 25° giornata

 
  - 9-2-2018 0:00
RendeRiposa---
 
  - 9-2-2018 20:45
BisceglieLecce1-2
 
  - 11-2-2018 14:30
RegginaV. Francavilla0-0
CasertanaTrapani0-0
CatanzaroS. Leonzio0-3
PaganeseMatera1-0
R. FondiJuve Stabia1-2
MonopoliF. Andria2-0
 
  - 11-2-2018 16:30
CataniaCosenza2-2
SiracusaAkragas1-0

[ Calendario completo ]

Classifica

55Lecce32V. Francavilla
49Catania29S. Leonzio
41Trapani28Catanzaro
39Siracusa27Reggina
35Cosenza27Bisceglie
35Rende23Casertana
34Monopoli23R. Fondi
34Matera23Paganese
33Juve Stabia20F. Andria
11Akragas

[ Classifica dettagliata ]

Prossimo turno 26° giornata

 
  - 18-2-2018 0:00
F. AndriaRiposa
 
  - 18-2-2018 14:30
MateraSiracusa
TrapaniPaganese
AkragasCatanzaro
 
  - 18-2-2018 16:30
S. LeonzioLecce
MonopoliCatania
RendeR. Fondi
V. FrancavillaCasertana
Juve StabiaBisceglie
 
  - 19-2-2018 20:45
CosenzaReggina


Utenti online
In questo momento ci sono, 337 Visitatori(e) e 60 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui

Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.

Utility
· AvantGo
· Wap
· I forum
· Chat
· Download
· Links
· Sondaggi
· Statistiche
· Meteo
· Segnala questo sito
· Cerca nel sito
· Gestione account

WebMail

Accesso ad Internet con casella di posta elettronica!

Cerca

 

Total ERG Catanzaro

Punture di Cillo: Questione di numeri
Pubblicato da ivan pugliese il Mar, 11 set 2012 16:00 CEST
Contributo di ivan pugliese


Dopo anni da revisori contabili, ricominciamo a parlare di dribbling e 3-4-3. La prima parte dell'editoriale di Francesco Ceniti

Le prime due giornate di campionato ci consegnano degli spunti interessanti per cercare di capire quale futuro attende il Catanzaro in questo campionato di C1 (Prima divisione non ci piace...). Tutto normale? Oddio, non proprio. Parliamo di calcio e non di problemi societari, di schemi e non di luce staccata e giocatori cacciati dagli alberghi. Ecco perché dopo anni bui e umilianti è doveroso rendere omaggio alla società del presidente Cosentino che ha restituito ai tifosi giallorossi la dignità. È bene non dimenticarlo perché senza l’arrivo dell’imprenditore reggino saremmo qui a dibattere dello strumbo. Questo non vuol dire perdere il diritto di critica, legittima e doverosa. Ma nemmeno fare i tifosi del buon tempo. Riempiamo lo stadio (a proposito: una vergogna la gestione e i soldi spesi negli ultimi anni per avere un impianto quasi peggiore di come era prima. Almeno i Distinti erano accessibili) e poi a mente fredda vediamo che cosa c’è da migliorare.

Dunque, spunti interessanti. Tipo: quale campionato è lecito attendersi dal Catanzaro; quale è la reale forza di questo gruppo; la preparazione sta condizionando le prestazioni di diversi calciatori apparsi lenti e imballati (Papasidero, Borghetti, Squillace, Maisto, Quadri, Masini e in parte Fioretti); ci sono alternative valide al modulo utilizzato da Cozza e soprattutto se i giocatori a disposizione sono adatti al 3-4-3. Detto che pretendere la doppia promozione in due stagioni è un po’ troppo, ma sarebbe sbagliato mettere limiti specie con la formula dei playoff che lascia spazio a sorprese; detto che la forza di una rosa non si può valutare in due gare; detto che la forma ottimale è difficile da avere a settembre per atleti dalle leve lunghe e possenti (Carboni, infatti, sta benissimo); ci concentriamo su una questione tattica che sta tenendo banco: il 3-4-3 prediletto da Cozza e gli uomini che devono interpretarlo.

È la solita discussione da bar, ma cerchiamo di andare al di là dei luoghi comuni. Il più classico è questo: con la difesa a tre aumentano i rischi di prendere gol rispetto a chi ne schiera quattro. È vero il contrario: i tre hanno il compito di restare bloccati dietro e compatti a guardia della zona più pericolosa (quella dell’area), mentre a quattro gli esterni partecipano molto più alla manovra e non è raro vederli in ritardo su un ribaltamento veloce dell’azione. Non è un caso che anche in A le retroguardie meno battute sono proprio quelle a tre. Il problema nasce a centrocampo: se lo perdi o non ha gli uomini capaci di reggere il confronto e fare filtro, allora tutti i vantaggi vanno a farsi benedire: la difesa sarà sempre sotto pressione, l’attacco riceverà rifornimenti a singhiozzo. Insomma, è la zona mediana a dare equilibrio e a permettere agli allenatori le variazioni tattiche.

Anche qui chi sceglie la difesa a tre spesso preferisce «blindare» il centrocampo con 5 giocatori: tre centrali a dettare il pressing in fase di recupero e poi avviare le trame offensive, mentre i due esterni diventano armi letali con velocità e inserimenti, ma anche utili in fase di copertura quando a cercare fortuna è un centrale oppure in fase di diagonale quando è l’opposto avversario a cercare di trovare spazi liberi nella difesa. I due attaccanti, poi, possono dosare le forze avviando sì un pressing all’inizio dell’azione ma senza doversi spompare in lunghe rincorse.

Al contrario, la difesa a quattro presuppone due esterni veloci, capaci di fare tutto il campo per novanta minuti e dotati di buoni piedi. Se il centrocampo è sempre a quattro ci saranno molti interscambi per non dare punti di riferimento, se invece è a tre allora sarà una sorta di «difesa» avanzata nella zona mediana, pronta a bloccare il centro e a far ripartire in modo efficace i tre attaccanti. Questi devono essere rapidi e magari in grado di giocare su ogni fascia. Non solo, saranno anche i primi difensori, ripiegando all’indietro per pressare gli avversari quasi subito. Inutile aggiungere che ci vuole grande dinamismo e corsa: è un modulo spregiudicato che punta ad accorciare il campo. Molti gol fatti, molti subiti. A meno che i tre attaccanti siano solo sulla carta.

Arriviamo al Catanzaro: Cozza predilige il 3-4-3. Un modulo che può essere letale a patto che il centrocampo regga l’urto, specie se si trova in inferiorità numerica. I tre attaccanti (o almeno due di loro a turno) dovrebbero mettere pressione ai portatori di palla per sopperire a questo rischio. Il rischio è di sfiancarli senza avere risultati apprezzabili. Altro rischio: se i quattro al centro non sono molto rapidi, diventa difficile costruire il gioco. Insomma, senza gli uomini giusti diventa complicato trovare un equilibrio. Due sole gare sono pochine, ma le difficoltà incontrate con Barletta e Latina hanno alimentato dei dubbi. Si deve allora continuare su questa strada oppure è meglio cambiare, almeno nelle partite più complicate? O addirittura pensare a un nuovo modulo? 

Il discorso è lungo. Domani lo riprenderemo.

Francesco Ceniti




Segui UsCatanzaro.net su Twitter
Links Correlati
· USCatanzaro.Net
· Altre notizie Catanzaro News
· News by ivan pugliese


Articolo più letto relativo a Catanzaro News:
Salvatore Ferragina è il nuovo dirigente accompagnatore dell'Us


Gradimento articolo
Punteggio: 2.4
Voti: 20


Vota per questo articolo:

Scarso
Sufficiente
Buono
Ottimo
Eccellente



Opzioni

Pagina stampabile  Pagina stampabile

Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

"Login" | Login/Crea Account | 3 commenti | Cerca discussione
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: Questione di numeri (Voto: 1)
di aeffe il Mar, 11 set 2012 20:38 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
E, per esempio, l'albero di Natale cosiddetto, come alcune compagini, anche di A : quattro difensori, tre centrocampisti, due mezze punte ed una sola prima punta? Tradotto : Mariotti,Borghetti,Sirignano, Papasidero i quattro difensori---- Ulloa (necessario), Quadri, Squillace, i tre centrocampisti----Fiore (o Masini) e Carboni (o Cruz) le mezze punte---Fioretti terminator...chissà... potrebbe anche andare?! Grazie,AF



Re: Questione di numeri (Voto: 1)
di MANITU il Mer, 12 set 2012 14:46 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Cos'era? una lezione di calcio? ma chi te l'ha chiesta? hai detto tutto per non dire nulla...???
e domani vuoi riparlarne?, ...per carità!!



Re: Questione di numeri (Voto: 1)
di redfish il Mer, 12 set 2012 09:06 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Anche se a Latina il gol lo abbiamo preso su palla inattiva e con la difesa piazzata, la difesa a tre ci espone a grandi rischi, soprattutto se non abbiamo centrocampisti incontristi che filtrano le offensive degli avversari, in sintesi si può giocare con la difesa a tre se hai un centrocampo adatto.
Inoltre, è opportuno che qualcuno, anche se molto bravo, faccia un bel bagno di umiltà e possibilmente spari meno cazzate.



 

Powered by ECSnet - Designed by IDEAWEB

www.uscatanzaro.net è il media di distribuzione del periodico telematico "Sanguinis Effusione"
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma, Sezione per la Stampa e l'Informazione con numero 49/2003
Direttore Responsabile è Francesco Ceniti.
L'Editore della Testata è l'Associazione "Il Catanzaro nel Cuore - Sanguinis Effusione", con sede in Roma.
Il Presidente dell'Associazione è Gennaro Maria Amoruso.
"Sanguinis Effusione" ha periodicità plurisettimanale ed ha carattere sociale, culturale, di costume e sportivo.
Informiamo gli utenti che tutti i Forum di questo sito, sono liberi, e data la mole di post inseriti, non è possibile verificarne sempre i contenuti.
L'uso costruttivo degli stessi è a carico del buon senso degli utilizzatori.

Visualizza la Policy sulla Privacy | Visualizza la Policy sui Cookie


Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.149 Secondi