Benvenuto su UsCatanzaro.net GRUPPO DIPO

Catanzaro News
· Juve Stabia-Catanzaro 1-1: le pagelle
· Juve Stabia-Catanzaro 1-1: gli highlights
· Risultati e marcatori - 22^ giornata
· Juve Stabia-Catanzaro 1-1: la Striscia Video
· Juve Stabia - Catanzaro 1-1
· Juve Stabia - Catanzaro 1-0 (primo tempo)
· Juve Stabia-Catanzaro: le formazioni ufficiali
· Juve Stabia-Catanzaro: le probabili formazioni
· Una gara da non sbagliare
· Badjie: il centrocampista di prospettiva proveniente dall'Atalanta [VIDEO]

[ Mostra altri articoli ]



[ Invia una notizia ]
[ Archivio News ]
[ Il Forum sul Catanzaro ]


Catanzaro Night News
· La rappresentativa U18 LND di Fausto Silipo al Centro Tecnico Federale
· Incendio a capannone
· Taekwondo, G.S. Vigilfuoco di Catanzaro è campione d’Italia
· Consiglio approva schema contratto servizio Comune-Amc
· Maltempo, Confagricoltura vuole lo stato di calamità naturale
· Tentato duplice omicidio, pesanti condanne per mandante ed esecutore
· Vento e pioggia hanno flagellato la Calabria[VIDEO]
· Minaccia di darsi fuoco davanti al tribunale, bloccato dai carabinieri
· Calabria Verde, la Regione parte civile nel processo
· Alla Cittadella autorizzta fermata autobus

[ Mostra altri articoli ]



[ Invia una notizia ]
[ Archivio C.N.N. ]
[ Il Forum "La Città" ]


Diventa sostenitore
Aiutaci a diffondere l'informazione libera!


Risultati
Risultati della 22° giornata

 
  - 20-1-2018 0:00
BisceglieRiposa---
 
  - 20-1-2018 20:30
SiracusaRende0-1
 
  - 21-1-2018 14:30
R. FondiV. Francavilla2-2
S. LeonzioTrapani1-0
LecceCatania1-1
AkragasMonopoli2-3
 
  - 21-1-2018 16:30
Juve StabiaCatanzaro1-1
RegginaPaganese1-0
 
  - 21-1-2018 20:30
CosenzaMatera2-1
CasertanaF. Andria1-2

[ Calendario completo ]

Classifica

46Lecce29Monopoli
42Catania27Bisceglie
37Trapani25Catanzaro
34Rende24Reggina
32Siracusa22R. Fondi
32Matera22S. Leonzio
32Cosenza21F. Andria
30V. Francavilla21Casertana
29Juve Stabia16Paganese
10Akragas

[ Classifica dettagliata ]

Prossimo turno 23° giornata

 
  - 26-1-2018 0:00
CasertanaRiposa
 
  - 26-1-2018 20:45
TrapaniJuve Stabia
 
  - 28-1-2018 14:30
MonopoliS. Leonzio
 
  - 28-1-2018 16:30
SiracusaR. Fondi
RendeLecce
CatanzaroBisceglie
PaganeseAkragas
 
  - 28-1-2018 20:30
F. AndriaCosenza
MateraReggina
 
  - 29-1-2018 20:45
CataniaV. Francavilla


Utenti online
In questo momento ci sono, 390 Visitatori(e) e 122 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui

Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.

Utility
· AvantGo
· Wap
· I forum
· Chat
· Download
· Links
· Sondaggi
· Statistiche
· Meteo
· Segnala questo sito
· Cerca nel sito
· Gestione account

WebMail

Accesso ad Internet con casella di posta elettronica!

Cerca

 

Total ERG Catanzaro

Dalla Curva: La rivincita degli ultimi
Pubblicato da redazione il Mar, 08 mag 2012 09:12 CEST
Contributo di redazione


Giallorosso in chiaro scuro, storia di un dialogo impossibile

Tremila chilometri valgono un gesto. Aspettare la fine delle ostilità e il deflusso di un carnevale giallorosso fuori stagione. Una città strombazza lì fuori, almeno per qualche ora dimentica delle sue miserie, e tu Cristo e Cesare sei padrone esclusivo di quello spazio, uno spazio che ha il sapore dei ricordi d’infanzia.

Bianchi, Destro, Cascione, Sassarini, Imborgia, Pedrazzini…”, era il 1985 e avevo poco più di due anni, tra le braccia di mio padre recitavo a memoria quella formazione che ci portava fuori dall’onta della serie C, nella quale eravamo piombati dopo i fasti della serie A. Perso nei miei pensieri, sento una voce richiamare la mia attenzione. “Certo tu avevi un anno, ma io ero ben saldo in questa curva, e me lo ricordo quel campionato. Ce la giocammo con Messina e Palermo. Erano altri tempi, caro mio, ‘il professore’ Franco Scoglio mica Eziolino Capuano”. 

Mi volto, non vedo nulla. La voce riprende, “non puoi vedermi, ormai sono solo un fantasma, qualche attento burocrate si era reso conto che la mia presenza in curva era ingombrante. Ma sai che ti dico, meglio cosi, avevo già deciso di lasciarmi andare, ne avevo viste troppe. Molti si saranno dimenticati di me, ma sono sicuro che quelli che amavano stare sotto la mia ombra mi porteranno con loro per sempre. Quante ne ho dovute sopportare. Annate incolori, battuti da Castrovillari, Tricase, Vigor Lamezia, da Barrucci a Bugiardini, da Spelta a Morgia, da De Carolis a Delle Donne. Che penitenza ragazzo mio”. 

Cavolo me li ricordo tutti quei campionati. Squadre intere cambiate a Gennaio, e poi sempre lo stesso esito, arrivederci alla prossima stagione nell’ultima serie professionistica. Sì ma peggio della lenta agonia degli anni '90 ci furono quelle partite spareggio terrificanti. Benevento, Sora, Acireale, Roma. “Cavolo, meno male che almeno quella del Flaminio me la sono risparmiata”, esclamò la voce, “non so davvero se c’è l’avrei fatta”. E qualche ricordo bello però lo abbiamo avuto dai. Quella cavalcata in C1, con Giorgio Corona e Pierino la peste. “Ti prego non me ne parlare, la serie B, la peggiore umiliazione”. “Presi a fucilate da tutti. Una volta i tifosi avversari arrivavano qui al Ceravolo e mi guardavano con rispetto, lì erano solo risate, penso proprio che quei due campionati mi hanno ucciso”.  “Ma piuttosto dimmi che ci fai qui dentro mentre tutti là fuori festeggiano?”.

Pensavo. Pensavo a quando ero bambino e il calcio non era una cosa seria. Non capivo molto di tattiche, ma immaginavo storie bellissime. Potevamo giocare con l’Akragas e per me era meglio della serie A. Pensavo sai, a quel tempo non avevo bisogno di accettare compromessi. Tutto era uno splendido gioco e il Ceravolo vuoto il mio Luna Park. Oggi è tutto diverso. Sono cresciuto. Ogni giorno sono posto di fronte al compromesso. Lo faccio per guadagnare il denaro che mi serve, per raggiungere un obiettivo a lungo inseguito o semplicemente per non restare solo, come oggi. Ho sempre sostenuto che il calcio fosse una splendida metafora della vita, una fedele riproduzione in scala dei patimenti, delle gioie e delle angosce del nostro quotidiano. Guardati intorno, guarda i distinti con un progetto che cambia ogni tre giorni, guarda quei campetti intorno allo stadio in stato d’abbandono, guarda quelle facce appese sui muri da votare ancora. Oggi tutti gioiscono, giustamente per una promozione che aspettavamo da tanto tempo. Ma è proprio mentre tutti si esaltano, che a me piace tenere i piedi ben saldi per terra, perché la notte e il buio arrivano più rapidi delle vittorie. 

Non ti crucciare, il calcio, cosi come la vita, è decisione rapida; all'improvviso un gesto maldestro sembra irreparabile, ma la palla va e viene nel bene e nel male. Restare sognatori in un mondo fatto di cinismo è forse il miglior antidoto contro l’infermità mentale. Al di là dei compromessi che la vita ti propone”. “Si vede che sei un romantico tu, aspettare che il Ceravolo si svuoti piano piano, per immaginare partite delle quali hai solo sentito parlare e delle quali non resta ormai neanche la memoria. Partite in bianco e nero, quando il Catanzaro era un’idea più che una squadra di calcio. Come quando c’erano gli spartani. Te li ricordi? E’ passato solo un anno”. “Sai ti guardavo oggi durante la partita. Nessun coro, qualche imprecazione certo, ma lo sguardo fisso su quel prato verde, proprio come quando eri bambino, e per te, l’Akragas era come la Juventus. Ti piace misurare la gioia e il dolore per costruirci sopra le tue storie, gli attori non contano per te, in fondo sono solo figuranti messi insieme dal destino per rendere credibile un racconto al limite del possibile. E’ per gente come te che un pino si ritrovava in mezzo ad una curva”.  

Ti voglio regalare una storia prima di unirci al carnevale, me l’ha raccontata un pirata che è passato di qua tanto tempo fa. E’ la storia di una squadra umile, convinta e mai arrendevole. Una squadra con un bomber che non faceva infatuare, perché non aveva una lunga chioma e perché non calciava al volo tiri impossibili, ma che segnava a ripetizione come solo i grandi sanno fare. E poi un difensore centrale di stampo calabro, faticatore e mai plateale; un figliol prodigo, che all’esilio dorato preferì l’odore acre della sua terra, il suo ritorno un bagno di stimoli che sapeva di ricostruzione; e poi uno spaesato attaccante argentino duro come la roccia, sempre pronto a sacrificarsi per la causa. Beh quegli uomini umili, in quella terra lontana raccontata dal pirata, rappresentavano la rivincita di un popolo, e in un certo senso quella di tutti noi. Quel popolo e quegli uomini erano considerati ‘ultimi’ da chi credeva di poter disporre di vite, anime e illusioni. ‘Quegli ultimi’ erano, nella loro condizione di debolezza, capaci di gesti meschini e assenza di qualunque coscienza civica, ma ‘quegli ultimi’ in certi momenti capivano che c’era bisogno ancora di loro per fare la storia. E allora, si rimboccavano le maniche per non far mancare il loro sostegno. Senza enfasi. ‘Quegli ultimi’, in grado di rimettere in comunicazione gente sparpagliata per i continenti, ‘quegli ultimi’ che ci hanno fatto incontrare oggi, che ci hanno fatto riconoscere una volta ancora figli di una stessa comunità, ed in fondo sono quelli che, anche se per poche ore, ci hanno spinto a volerci tutti bene".“E’ per ‘quegli ultimi’, che a volte ho accettato compromessi che tu ritieni infanganti, è per ‘quegli ultimi’ che ancora una volta oggi pomeriggio mi sono emozionato. Perché in fondo al cuore so che nonostante tutto, ‘quegli ultimi’, non si sono mai veramente arresi ad un destino di quarta serie”. 

Emanuele Ferragina




Segui UsCatanzaro.net su Twitter
Links Correlati
· USCatanzaro.Net
· Altre notizie Catanzaro News
· News by redazione


Articolo più letto relativo a Catanzaro News:
Il nuovo Logo del FC Catanzaro


Gradimento articolo
Punteggio: 5
Voti: 27


Vota per questo articolo:

Scarso
Sufficiente
Buono
Ottimo
Eccellente



Opzioni

Pagina stampabile  Pagina stampabile

Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

"Login" | Login/Crea Account | 14 commenti | Cerca discussione
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: La rivincita degli ultimi (Voto: 1)
di frasiloda il Mar, 08 mag 2012 21:46 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
grande emanuele onorato di averi conosciuto
e di essermi fatto una foto con te



Re: La rivincita degli ultimi (Voto: 1)
di cicciodaroma il Mar, 08 mag 2012 23:51 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Achille,Uccio,Fracesco,Andrea,Antonio,Raffaele.....Classe 73-74 le domeniche al campo dietro i distinti, le sfide con i rioni limitrofi contro i ragazzi della Bellamena , poi la domenica successiva contro i ragazzi dello Stadio con Claudio con la fascia da capitano, quindi contro i ragazzi Pontepiccolo.. Tutti tredicenni che a pochi minuti dall'inizio della partita si infilavano ai distinti chiedendo ai piu' grandi di spacciarli per propri figli....A che splendidi ricordi!!!Palanca Bivi, Borghi,Celestini Santarini,De Agostini,Surro, Soda,Pesce,Zaninelli...Il venditore di noccioline sotti la bigletteria dei distinti....La memoria di ieri non si cancellera' mai e forse ci ha reso unpo' migliori.



Re: La rivincita degli ultimi (Voto: 1)
di aeffe il Mar, 08 mag 2012 19:50 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Grazie Emanuele, mi hai fatto ripensare al viaggio di ritorno fatto assieme da Fondi a Roma, lungo tutte quelle curve per tornare in autostrada...hai detto bene: per ascoltare Capuano ci hai fatto attendere un bel po' ,a me e ad fcz...ma ad una persona speciale come te si può perdonare tutto. Ciao e grazie di nuovo, il prof del tuo Liceo, AAAAAAAAAAAffffffffffffff



Re: La rivincita degli ultimi (Voto: 1)
di eaglecce il Mar, 08 mag 2012 14:40 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Tutto bello,tranne quel "mica eziolino capuano".....è un ottimo allenatore e non merita certe affermazioni.....un umile pensiero......



Re: La rivincita degli ultimi (Voto: 1)
di falco_64 il Mar, 08 mag 2012 14:42 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
MAMMA MIA........................... LACRIMA



Re: La rivincita degli ultimi (Voto: 1)
di MANITU il Mar, 08 mag 2012 12:08 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
PER TUTTI I GIALLOROSSI.

ANDATE SUL SITO DELLA LEGAPRO E VOTATE CICCIO COZZA COME MIGLIORE ALLENATORE DELLA 2^ DIVISIONE.
SI VOTA FINO ALLE 14 DI OGGI, ED AL MOMENTO IN TESTA C'E' L'ALLENATORE DELLA VIGOR.

AFFRETTATEVI E DIVULGATE L'INVITO.



Re: La rivincita degli ultimi (Voto: 1)
di dom2012 il Mar, 08 mag 2012 12:43 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Toccante Emanuele



Re: La rivincita degli ultimi (Voto: 1)
di qsc1929 il Mar, 08 mag 2012 10:24 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
PIANGO! :'D



 

Powered by ECSnet - Designed by IDEAWEB

www.uscatanzaro.net è il media di distribuzione del periodico telematico "Sanguinis Effusione"
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma, Sezione per la Stampa e l'Informazione con numero 49/2003
Direttore Responsabile è Francesco Ceniti.
L'Editore della Testata è l'Associazione "Il Catanzaro nel Cuore - Sanguinis Effusione", con sede in Roma.
Il Presidente dell'Associazione è Gennaro Maria Amoruso.
"Sanguinis Effusione" ha periodicità plurisettimanale ed ha carattere sociale, culturale, di costume e sportivo.
Informiamo gli utenti che tutti i Forum di questo sito, sono liberi, e data la mole di post inseriti, non è possibile verificarne sempre i contenuti.
L'uso costruttivo degli stessi è a carico del buon senso degli utilizzatori.

Visualizza la Policy sulla Privacy | Visualizza la Policy sui Cookie


Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.164 Secondi