Benvenuto su UsCatanzaro.net GRUPPO DIPO

Catanzaro News
· Ufficiale: Onescu un giocatore del Catanzaro
· Catanzaro: si avvicina Onescu
· Le disignazioni arbitrali della prima giornata
· C.I. Reggina - Catanzaro 1-0: le pagelle
· Stadio Ceravolo, riaprono parzialmente i Distinti
· Sconfitta che pu starci nella trasferta che non ti aspetti
· Erra addebita la sconfitta al calo fisico nella ripresa
· Oggi il 21 agosto, Buon Compleanno O'rey
· CI, Reggina-Catanzaro 1-0: la striscia video
· Falcone, l'ala che arriva con un anno di ritardo

[ Mostra altri articoli ]



[ Invia una notizia ]
[ Archivio News ]
[ Il Forum sul Catanzaro ]


Catanzaro Night News
· Brucia la pineta di Siano
· Assessore Mungo, dopo l'aggressione gomme squadciate a un auto della famiglia
· Pastore tedesco aggredisce un'anziana
· Sorpreso mentre intasca "pizzo",arresto
· Vigili del fuoco: rinvenuto fusto sospetto a Gizzeria Lido
· Auto in fiamme provoca incendio, evacuate abitazioni
· Appena diciottenne spaccia droga, arrestato
· Si prevede un Ferragosto con buonu numeri per la Calabria
· Goletta Verde, in 40% campioni di mare batteri off limits
· Fra oggi e domenica clima pi fresco anche al Centro Sud

[ Mostra altri articoli ]



[ Invia una notizia ]
[ Archivio C.N.N. ]
[ Il Forum "La Città" ]


Diventa sostenitore
Aiutaci a diffondere l'informazione libera!


Risultati
Risultati Spareggi

 
  - 28-5-2017 16:00
AkragasMelfi1-1
 
  - 28-5-2017 17:00
ViboneseCatanzaro1-1

[ Calendario completo ]

Classifica

85Foggia47Catania
74Lecce47F. Andria
65Matera45Reggina
64Juve Stabia42Monopoli
57Siracusa42Messina
57V. Francavilla39Akragas
55Cosenza39Vibonese
50Paganese38Catanzaro
49Fondi34Melfi
49Casertana30Taranto

[ Classifica dettagliata ]

Turno Spareggi

 
  - 28-5-2017 16:00
AkragasMelfi
 
  - 28-5-2017 17:00
ViboneseCatanzaro


Utenti online
In questo momento ci sono, 258 Visitatori(e) e 11 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui

Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.

Utility
AvantGo
Wap
I forum
Chat
Download
Links
Sondaggi
Statistiche
Meteo
Segnala questo sito
Cerca nel sito
Gestione account

WebMail

Accesso ad Internet con casella di posta elettronica!

Cerca

 
Invasioni di Campo: Tutta un'invenzione
Pubblicato da fabrizio scarfone il Mer, 19 ott 2011 14:00 CEST
Contributo di fabrizio scarfone


L'incredibile storia dei Cosmos, la squadra in cui giocarono Pelè e Beckenbauer, Neeskens e Bogicevic, Carlos Alberto e Chinaglia

 

Come spesso accade per Invasioni di campo, parte tutto da un libro. Il titolo è "Once in a lifetime" ("Una volta nella vita", lo trovate qui), l'autore è Gavin Newsham, inglese e giornalista sportivo del Guardian. Questa volta però, oltre al libro c'è anche altro. C'è innanzitutto una lunga chiacchierata che puntonet ha avuto - per uno speciale sul Catanzaro che pubblicheremo prossimamente- con Alex Yannis, cronista in pensione del New York Times. E c'è un annuncio recentissimo e sorprendente di Paul Kemsley, ex vicepresidente del Tottenham.

Immaginate un rifugio dorato per calciatori ricchi, vincenti e a un passo dal ritiro. Una squadra qualsiasi degli Emirati arabi di oggi insomma, ma con la macchina dei sogni hollywoodiana a disposizione. Stiamo parlando dei New York Cosmos, la prima grande squadra del Nord America, definita da qualcuno l'Atlantide del calcio. Si tratta di una creatura tipicamente americana, un effetto speciale capace di scrivere una stramba epopea lunga quindici anni.

Nell'America in cui il Football europeo è chiamato soccer e fatica ancora oggi ad intercettare il favore del grande pubblico a stelle e strisce, i Cosmos vennero alla luce nel 1970 per iniziativa di due imprenditori turco-americani. Ahmet e Nesuhi Ertegün erano iricchi proprietari della Atlantic Records, etichetta in orbita Time Warner, una delle più grandi società USA di tutti i tempi.

I primi cinque anni dei Cosmos a New York portarono vittorie (un campionato NASL -North american soccer league- nel 1972) certo, ma non la fama.  E per la Warner Communication di Steve Ross, che a un certo punto decise di controllare direttamente i Cosmos, la fama significava tutto. Il debutto casalingo dell'Aprile '71 allo Yankee Stadium aveva registrato un afflusso di poco meno di quattromila persone, e in molte partite di campionato gli spettatori più assidui erano rimasti venditori di hot dog e pretzel in cerca di improbabili affari. La tendenza doveva assolutamente cambiare.

Perchè una storia valga la pena di essere raccontata deve vivere almeno un momento di grandezza. Non importa come vada a finire, è necessario che quel momento sia vissuto.

E il momento arriva nel 1975. Presentazione in grande stile, ancora più sfarzosa della premiere di un film destinato all'Oscar, poi l'annuncio: la perla nera, il brasiliano Pelè, dopo meno di un anno di inattività viene ingaggiato dalla squadra di New York.

Intendiamoci, Pelè all'epoca non è soltanto il più grande calciatore di tutti i tempi. Il Governo brasiliano aveva finito addirittura per nominarlo "tesoro nazionale non esportabile" dopo che nel '67, visitando la Nigeria piagata da una lunga e cruenta guerra interna, aveva indotto le fazioni in lotta a un cessate il fuoco di 48 ore. Mica roba da ridere.

E infatti per ingaggiarlo la Warner deve ottenere a suon di milioni e "garanzie" anche una sorta di placet dall'esecutivo di Brasilia. Pelè sbarca a New York con un contratto maestoso per i tempi: 4,5 milioni di dollari per tre anni. Molto di più di quanto avesse guadagnato in tutta una carriera al Santos.

Ma Pelè vale la spesa, per lui  e insieme a lui si muovono le masse: giornalisti, star dello spettacolo, spettatori paganti. Sono tutti ai suoi piedi, o al suo fianco. Si tratta di una sorta di valanga mediatica che parte in cima con l'arrivo del brasiliano e che lungo la discesa a valle porta con sè qualsiasi cosa la Warner decida di mettere sulla traiettoria.

Così capita di vedere Mick Jagger dei Rolling Stones negli spogliatoi o la leggenda del pugilato Muhammad Alì allo Yankee stadium mentre scambia baci e abbracci con o' Rey. In tribuna ci sono politici come Henry Kissinger (lo storico capo della diplomazia Usa) e attori come Robert Redford.

L'espressione calcio-spettacolo acquisisce a questo punto un significato molto più complesso di quanto non fosse fino ad allora.

I Cosmos vincono, divertono e riempiono lo Giant's Stadium con una media di 44mila spettatori, più volte fanno registrare anche il tutto esaurito con oltre 73mila paganti. Il progetto tecnico è un po' quello che 25 anni dopo fu scelto da Florentino Perez nel Real Madrid: si acquistano solo grandissimi campioni, il resto deve venire dal vivaio. L'anno successivo all'arrivo di Pelè, in America sbarca Giorgio Chinaglia e poi, attirati dalla fama e dagli ingaggi Franz Beckenbauer, Carlos Alberto, Neeskens e il maestro di Belgrado Vladislav Bogicevic.

I Cosmos diventano un'isola per grandi campioni, una sorta di Atlantide di cui tanti in futuro parleranno come di qualcosa a metà tra la leggenda e la storia. Lo spettacolo in campo è assicurato (in Rete ci sono alcuni video celebrativi, ad esempio questo che danno il senso di quell'esperienza).

Rovesciate acrobatiche, dribling ubriacanti, tiri secchi all'incrocio dei pali. Tutto è show e non a caso Pelè viene ingaggiato con un contratto di recording artist, e non di soccer player (nel 1981 per lui  un vero film, "Fuga per la vittoria"). A New York, in ogni caso, non si va a svernare. Kaiser Franz, per esempio, arriva nel '77 giocando ben 105 partite e segnando 19 gol.  Una seconda giovinezza. C'è spazio anche per un altro mito del calcio: Johan Cruijff, che però con i Cosmos gioca solo due amichevoli (creando peraltro una leggenda ancora più grande fra i collezionisti di maglie di tutto il mondo).

Ma dopo quella di Pelè, è di sicuro l'esperienza di Giorgione Chinaglia, la storia più significativa venuta fuori da quella squadra di New York. Il bomber laziale arriva negli States con alcuni problemi giudiziari alle calcagna (problemi che non hanno mai smesso completamente di inseguirlo) ma con la fama riconosciuta del grandissimo campione scudetatto.

Arriva accettando il consiglio della moglie Connie Eruzione che è una ricca donna americana (figlia di un noto costruttore) e vive nel New Jersey. "Son venuto qui per segnare tanti di quei gol...e per dire alla folla chi è Giorgio Chinaglia", dichiara arrabbiato al suo arrivo. E indubbiamente mantiene la promessa: 193 gol in 213 partite. In sette anni vince quattro campionati ('77, '78, '80, '82). Nel suo settennato americano Giorgione parla molto, moltissimo. Spiega perfino come Pelè non fosse adatto per i Cosmos e che nelle ultime partite era lui a trascinarselo come un peso. E dice ancora che invece di comprare Beckenbauer, i dirigenti avrebbero fatto bene ad investire su qualche giovane americano. 

La stramba epopea dei Cosmos sta per terminare. Nel '77 Pelè aveva dato l'addio al calcio in un'amichevole giocata contro il suo Santos proprio a New York, nel 1983 Chinaglia torna a Roma per assumere la carica di Presidente della Lazio. In qualche modo ai suoi Cosmos rimane sempre legato ed acquisisce, tramite la società biancoceleste, il 60% delle azioni dalla Warner. Ma non ci sono i capitali sufficienti per continuare l'avventura, e quando la stessa Lega nordamericana chiude (sarà sostituita dalla MFL), chiudono anche i Cosmos. Nel 1985 l'ultima partita amichevole contro la Lazio.

Per Alex Yannis - il  corrispondente del New York Times citato all'inizio del pezzo - quelli furono "gli anni spettacolari che dovevano essere. Fu scelto consapevolmente di trasformare il calcio in un grande show e l'operazione riuscì perfettamente. L'unico rammarico fu che tutto quel circo di majorettes e grandi campioni non portò alla definitiva crescita in America del soccer, schiacciato inevitabilmente da baseball, basket e football".

Ci hanno riprovato in tanti a diventare i nuovi Cosmos. Ancora a New York, per esempio, i Metrostars. E a Los Angeles i Galaxy di David Beckam. Ma non sarà mai la stessa cosa. Forse neanche la resurrezione che una cordata di imprenditori con a capo Paul Kemsley, ex vice-presidente del Tottenham, ha annunciato, avrà successo.

Kemsley ha rilevato il marchio della vecchia società con l'obiettivo di iscriverlo entro il 2013 alla MLS. In perfetto stile Cosmos ha nomitato Eric Cantona direttore tecnico, Chinaglia e Carlos Alberto "ambasciatori" del club e Pelé, proprio lui, presidente onorario. Basterà?

Fabrizio Scarfone

f.scarfone@uscatanzaro.net




Segui UsCatanzaro.net su Twitter
Links Correlati
· USCatanzaro.Net
· Altre notizie Catanzaro News
· News by fabrizio scarfone


Articolo più letto relativo a Catanzaro News:
Il nuovo Logo del FC Catanzaro


Gradimento articolo
Punteggio: 2.85
Voti: 28


Vota per questo articolo:

Scarso
Sufficiente
Buono
Ottimo
Eccellente



Opzioni

Pagina stampabile  Pagina stampabile

Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

"Login" | Login/Crea Account | 7 commenti | Cerca discussione
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: Tutta un'invenzione (Voto: 1)
di merda il Mer, 19 ott 2011 15:06 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Complimenti come al solito per l'articolo, attendo con impazienza lo speciale ;)



Re: Tutta un'invenzione (Voto: 1)
di original_zagor il Mer, 19 ott 2011 20:09 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio) http://www.fumettando.it/viaggiodizagor/cico/cicod.jpg
...e Palanca???
 
Undecided



Re: Tutta un'invenzione (Voto: 1)
di blackmagic il Gio, 20 ott 2011 01:04 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio) http://www.edizionimontaonda.it
L'inizio di un nuovo modo di vedere il calcio?
Grazie per il racconto Fabrizio.



Re: Tutta un'invenzione (Voto: 1)
di Gianni il Gio, 20 ott 2011 02:44 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
ma sul solito sito, leggo sempre cose interessanti o che non conoshevo.
ma vabbe ora c e l altro sito, quello che vigila. la' si che scrivoni articoli di piu alto spessore 



Powered by ECSnet - Designed by IDEAWEB

www.uscatanzaro.net il media di distribuzione del periodico telematico "Sanguinis Effusione"
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma, Sezione per la Stampa e l'Informazione con numero 49/2003
Direttore Responsabile Francesco Ceniti.
L'Editore della Testata l'Associazione "Il Catanzaro nel Cuore - Sanguinis Effusione", con sede in Roma.
Il Presidente dell'Associazione Gennaro Maria Amoruso.
"Sanguinis Effusione" ha periodicit plurisettimanale ed ha carattere sociale, culturale, di costume e sportivo.
Informiamo gli utenti che tutti i Forum di questo sito, sono liberi, e data la mole di post inseriti, non possibile verificarne sempre i contenuti.
L'uso costruttivo degli stessi a carico del buon senso degli utilizzatori.

Visualizza la Policy sulla Privacy | Visualizza la Policy sui Cookie


Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.151 Secondi