Benvenuto su UsCatanzaro.net VILLA FATA

Catanzaro News
· Premio Ceravolo all’ottava Edizione: premiato Luciano Spalletti
· Ora è ufficiale, il Catanzaro è in vendita
· Gessica Cosentino amministratore unico del Catanzaro
· Fate presto!
· Ufficiale: Di Chiara passa al Perugia
· Ipotesi cessione, spunta la pista Raffaele
· Catanzaro fra iscrizione, Preiti e Di Chiara
· La resa dei conti
· I giorni del silenzio
· Delega a Gessica Cosentino, il gip autorizza il presidente

[ Mostra altri articoli ]



[ Invia una notizia ]
[ Archivio News ]
[ Il Forum sul Catanzaro ]


Catanzaro Night News
· SS 106 VAR/A ancora chiuso al traffico lo svincolo del quartiere Germaneto di Catanzaro
· Omicidio a Sorianello, l'inchiesta passa alla Dda di Catanzaro
· Rifiuti pericolosi alla foce del Corace, sequestrata discarica di duemila metri
· Il ministro Martina: “Ciconte ce la può fare”
· Altrove Festival, apertura affidata a Gonzalo Borondo
· Guardia di Finanza di Catanzaro, in prima linea
· Gratteri: «Per le istituzioni calabresi la ricreazione è finita»
· Province con i conti in rosso, i presidenti: “Pronti a chiudere strade e scuole”
· Abuso d' ufficio e falso, archiviazione per una professionista di Catanzaro
· Bando autoimpiego, la Regione proroga i termini: “C’è tempo fino al 20 luglio

[ Mostra altri articoli ]



[ Invia una notizia ]
[ Archivio C.N.N. ]
[ Il Forum "La Città" ]


Diventa sostenitore
Aiutaci a diffondere l'informazione libera!


Risultati
Risultati Spareggi

 
  - 28-5-2017 16:00
AkragasMelfi1-1
 
  - 28-5-2017 17:00
ViboneseCatanzaro1-1

[ Calendario completo ]

Classifica

85Foggia47Catania
74Lecce47F. Andria
65Matera45Reggina
64Juve Stabia42Monopoli
57Siracusa42Messina
57V. Francavilla39Akragas
55Cosenza39Vibonese
50Paganese38Catanzaro
49Fondi34Melfi
49Casertana30Taranto

[ Classifica dettagliata ]

Turno Spareggi

 
  - 28-5-2017 16:00
AkragasMelfi
 
  - 28-5-2017 17:00
ViboneseCatanzaro


Utenti online
In questo momento ci sono, 183 Visitatori(e) e 49 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui

Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.

Utility
· AvantGo
· Wap
· I forum
· Chat
· Download
· Links
· Sondaggi
· Statistiche
· Meteo
· Segnala questo sito
· Cerca nel sito
· Gestione account

WebMail

Accesso ad Internet con casella di posta elettronica!

Cerca

 
Invasioni di Campo: ''L'ultima partita''
Pubblicato da Fabrizio Scarfone il Mar, 04 mag 2010 14:35 CEST
Contributo di Fabrizio Scarfone


Vittoria e sconfitta di Agostino Di Bartolomei.

A cura di Fabrizio Scarfone

 

Dal profondo del tempo

Come un rimpianto

Ora rinasci tu

Se ci fosse attenzione per il campione

 oggi sarebbe qui

Se ci fosse più amore per il campione

 oggi saresti qui

Questo mondo coglione piange il campione

quando non serve più

Ricordati di me, mio capitano

Cancella la pistola dalla mano

Tradimento e perdono

Fanno nascere un uomo

Ora rinasci tu


 

A raccontare certe storie si corrono rischi incalcolabili. E la storia di Agostino Di Bartolomei, centrocampista della Roma degli anni ’80, è inevitabilmente una di quelle. Quasi viene voglia di mettere da parte penna e taccuino, bloccare la tastiera del portatile e affidarsi a una tavoletta di legno in coppia con un piccolo  coltello da intaglio. Così, perché ogni parola sia incisa a fatica, e perciò spesa soltanto se davvero necessaria.

Per una sintesi tanto umana quanto crudele, la vita di ognuno di noi è spesso segnata da un gesto soltanto. Un unico atto che per tutti gli altri è sufficiente a definirci e raccontarci. Agostino Di Bartolomei è stato campione d’Italia nella grande Roma di Dino Viola, centrocampista della nazionale, finalista di Coppa, allievo prediletto di Nils Liedholm, marito, padre, uomo. E oggi è addirittura il nome di una strada dentro un parco della Capitale.  

Ma per tutti, prima di ogni altra cosa, Di Bartolomei è un suicida. Lo è diventato in pochi istanti sul balcone della sua villa, sparandosi un colpo al cuore il 30 maggio del ’94, alle 8.50 del mattino. Di suicidio nel nostro quotidiano si parla poco. Forse per pudore o per un qualche istinto di conservazione, magari solo per paura. Le storie dei sucidi sono raccontate ogni volta con la stessa retorica nelle pagine di qualche giornale locale. Nella nostra città, il ponte del record per la sua grande arcata unica, se ne sta immobile a ricordarci questa terribile alternativa all’esistenza, e quanti fino ad oggi l’abbiano percorsa.

Ma cosa porta un uomo a darsi la morte? Nessuno può mai saperlo con certezza, e per questa ragione spesso si cercano testimonianze, tracce di disperazione, brandelli di sofferenza. Di Bartolomei si uccise lasciando un biglietto, “mi sento chiuso in un buco”, scrisse. Non gli fu concessa la carriera dirigenziale che quel simbolo romano e romanista avrebbe meritato, dissero alcuni. Per molti altri, fu semplicemente  dimenticato, abbandonato al secondo tempo della sua vita, quello senza goal e cori continui, ma con sconfitte che non è possibile dimenticare la domenica successiva. Per ragioni anagrafiche, non ho visto Di Bartolomei sopra un campo da calcio. Le immagini delle sue azioni e dei suoi successi, le foto di quello sguardo incastrato dentro un corpo di calciatore, mi pare restituiscano innanzitutto un uomo, e la sua esistenza dal terribile epilogo.

Ogni storia è diversa dalle altre, figurarsi quelle dei suicidi: Di Bartolomei, Pantani, Tenco, l’impiegato volato giù dal ponte in un giorno piovoso di novembre, il figlio della professoressa di storia della mia adolescenza. Nessuno dei protagonisti di queste esistenze ha mai desiderato che quell'ultima scelta insegnasse qualcosa. Eppure qualcosa resta: il senso di inadeguatezza che porta un uomo ad eliminarsi con tanta risolutezza, si trasferisce a chi rimane, portando con sè una responsabilità con la quale fare i conti ogni giorno. Il calcio, lo sport in genere, qualsiasi tipo di professione, il semplice quotidiano è fatto di uomini. Ognuno con le proprie difficoltà, le proprie bugie, gli insormontabili ostacoli da affrontare. Fermarsi senza chiedere nulla in cambio, ascoltare e domandare, perdonare e sorridere: ecco cosa può fare la differenza lontano da un campo da calcio. Ecco la lezione da imparare quando con il pallone non è più tempo di giocare.

                                      Fabrizio Scarfone




Segui UsCatanzaro.net su Twitter
Links Correlati
· USCatanzaro.Net
· Altre notizie Catanzaro News
· News by Fabrizio Scarfone


Articolo più letto relativo a Catanzaro News:
Il nuovo Logo del FC Catanzaro


Gradimento articolo
Punteggio: 4.33
Voti: 18


Vota per questo articolo:

Scarso
Sufficiente
Buono
Ottimo
Eccellente



Opzioni

Pagina stampabile  Pagina stampabile

Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

"Login" | Login/Crea Account | 4 commenti | Cerca discussione
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: ''L'ultima partita'' (Voto: 1)
di Danilevicius il Mar, 04 mag 2010 15:15 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Ottima riflessione...Wink



Re: ''L'ultima partita'' (Voto: 1)
di RobTrieste il Mar, 04 mag 2010 16:51 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
questa rubrica è assolutamente straordinaria... complimenti alla redazione ed a Fabrizio Scarfone...



Re: ''L'ultima partita'' (Voto: 1)
di xxcxx il Mar, 04 mag 2010 20:16 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
"mi sento chiuso in un buco" quanta gente ogni giorno si sente così e magari nessunose ne accorge.........



Re: ''L'ultima partita'' (Voto: 1)
di VecchiaGuardia65 il Mar, 04 mag 2010 22:27 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
ooooooh Agostino, Ago, Ago ,Ago, Agostinooo



 

Powered by ECSnet - Designed by IDEAWEB

www.uscatanzaro.net è il media di distribuzione del periodico telematico "Sanguinis Effusione"
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma, Sezione per la Stampa e l'Informazione con numero 49/2003
Direttore Responsabile è Francesco Ceniti.
L'Editore della Testata è l'Associazione "Il Catanzaro nel Cuore - Sanguinis Effusione", con sede in Roma.
Il Presidente dell'Associazione è Gennaro Maria Amoruso.
"Sanguinis Effusione" ha periodicità plurisettimanale ed ha carattere sociale, culturale, di costume e sportivo.
Informiamo gli utenti che tutti i Forum di questo sito, sono liberi, e data la mole di post inseriti, non è possibile verificarne sempre i contenuti.
L'uso costruttivo degli stessi è a carico del buon senso degli utilizzatori.

Visualizza la Policy sulla Privacy | Visualizza la Policy sui Cookie


Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.171 Secondi