Benvenuto su UsCatanzaro.net VILLA FATA

Catanzaro News
· Vibonese-Catanzaro 1-1 (play-out): le interviste post partita
· Vibonese-Catanzaro 1-1: la Striscia Video
· Vibonese - Catanzaro 1-1
· Vibonese - Catanzaro 1-1 (primo tempo)
· Vibonese-Catanzaro: le probabili formazioni
· Erra: «Salviamo Catanzaro tutti insieme» [VIDEO]
· Vibonese-Catanzaro: arbitra Guccini di Albano Laziale
· Verranno a chiederti
· Terminati i tagliandi destinati ai tifosi catanzaresi. Oggi in trecento all'allenamento
· Sarà un problema garantire la presenza dei tifosi giallorossi a Vibo

[ Mostra altri articoli ]

Vota Celia

[
Invia una notizia ]
[ Archivio News ]
[ Il Forum sul Catanzaro ]


Catanzaro Night News
· Lavori si SS 106, chiusa rampa per accedere al quartiere Germaneto di Catanzaro
· Liti in campo durante partite di campionato. Emessi 4 Daspo
· Aggressione ai patrimoni criminali, confiscata la villa a killer della ‘ndrangheta
· G7 a Taormina, sbarchi in Calabria
· Saranno adeguati gli organici del Tribunale di Catanzaro. Soddisfatto Gratteri
· Esenzione ticket, denunciati in 221
· Ndrangheta, duro colpo ai clan del lametino
· Quattro sindaci, 21 liste e un esercito di candidati
· I tifosi del Catanzaro vanno da Gratteri
· “Olimpiadi di Problem Solving” terzo posto per un alunno del B.Citriniti di Simeri Crichi

[ Mostra altri articoli ]

Vota Fiorita

[
Invia una notizia ]
[ Archivio C.N.N. ]
[ Il Forum "La Città" ]


Diventa sostenitore
Aiutaci a diffondere l'informazione libera!


Risultati
Risultati Spareggi

 
  - 28-5-2017 16:00
AkragasMelfi1-1
 
  - 28-5-2017 17:00
ViboneseCatanzaro1-1

[ Calendario completo ]

Classifica

85Foggia47Catania
74Lecce47F. Andria
65Matera45Reggina
64Juve Stabia44Messina
57Siracusa42Monopoli
57V. Francavilla39Akragas
55Cosenza39Vibonese
50Paganese38Catanzaro
49Fondi34Melfi
49Casertana30Taranto

[ Classifica dettagliata ]

Turno Spareggi

 
  - 28-5-2017 16:00
AkragasMelfi
 
  - 28-5-2017 17:00
ViboneseCatanzaro


Utenti online
In questo momento ci sono, 221 Visitatori(e) e 33 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui

Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.

Utility
· AvantGo
· Wap
· I forum
· Chat
· Download
· Links
· Sondaggi
· Statistiche
· Meteo
· Segnala questo sito
· Cerca nel sito
· Gestione account

WebMail

Accesso ad Internet con casella di posta elettronica!

Cerca

 
Invasioni di Campo: ''Dallo scudetto ad Auschwitz''
Pubblicato da ivan pugliese il Mer, 24 feb 2010 09:00 CET
Contributo di ivan pugliese


La storia di Arpad Weisz da un campo di calcio a un campo di concentramento.

A cura di Fabrizio Scarfone


Matteo Marani
Dallo Scudetto ad Auschwitz
Aliberti
14 euro



Questo pezzo ha bisogno di una premessa. E di un accordo. Un patto che veda me da una parte e voi dall’altra. La storia che segue non può essere raccontata e letta in modo ordinario. È una storia che non sopporta la superficialità, perché in essa non c’è nulla di superficiale. La narrazione è svolta in prima persona, e si basa dunque su una finzione. La tecnica regge solo se la finzione regge. Non lasciate che vi sfugga, questa storia. Ricordate il nome del suo protagonista, troppo a lungo inghiottito dal buco più nero che l’umanità abbia mai prodotto; evocate la bellezza delle imprese compiute e rammentate l’atroce sconfitta imposta dentro un campo senza spalti né pallone. Un campo con una porta famosa in tutto il mondo e troppe reti piazzate intorno. Tutte ugualmente elettrificate. Fermatevi per qualche minuto su questa pagina. Concedete a questa storia l’esclusiva di una frazione del vostro tempo. Dicono che la scrittura a certe condizioni abbia il potere di evocare il passato, e con esso i suoi fantasmi. Se siete d’accordo, possiamo cominciare.


Il mio nome, se qualcosa ancora conta, è Arpad Weisz
.

Sono stato un’ala sinistra, poi ho smesso per sempre. La cosa che mi riusciva meglio era correre verso la porta avversaria con il pallone tra i piedi. La differenza tra un’ala di talento e un corridore applicato al calcio, se ci pensate, è tutta in quel pallone che si attacca agli scarpini. Non per sempre, ma fin quando serve.
Io avevo il mio sinistro. Il destro è venuto dopo. Partorito con dolore sotto il peso di allenamenti quotidiani con il pallone e un grosso muro grigio a farmi da compagno.
Sono nato in Ungheria nel 1896.
A quei tempi la nostra era una delle scuole di calcio più importanti. In tutti i campionati d’Europa c’era almeno un’atleta ungherese a farla da padrone. Nella nazionale olimpica del 1924 per esempio, facevo coppia con “la Gazzella” Férénc Hirzer, uno che con i suoi gol ha segnato l’immaginario di molte generazioni di tifosi Juventini.
Anch’io ho giocato nel vostro Paese. Prima nel Padova, poi nell’Inter. Quattro gol in totale. Ma non era certo il gol il mio mestiere. Avevo 30 anni quando la mia carriera è terminata per infortunio, ho smesso di giocare indossando la maglia bianca crociata dell’Ambrosiana.
Scontro, dolore, medico, fine. Tutta una vita da giocatore  risolta in poche ore.
Ma io ho continuato ad amarlo, il calcio. Anche quando me ne stavo a terra, sopra il campo spelacchiato, con la gamba stretta tra le mani.
Così, nuovamente in piedi, dopo quel destro così poco dotato, pensai che fosse arrivato il momento di allenare la testa. Avevo preso la mia pacifica “decisione irrevocabile”: le idee sarebbero state l’espressione più sincera del mio talento. Sarei diventato un allenatore di calcio.
Lo stesso anno del ritiro – era il 1926 – dopo l’esperienza da vice nell’Alessandria, passai dritto all’Ambrosiana. Erano tempi complicati, per il calcio e per il mondo.
Intorno a me le moltitudini sostenevano sempre un uomo solo, che spesso se ne stava cupo e arrabbiato sopra un palco, o magari affacciato ad un balcone.
Molti erano felici, ma di una felicità che mi pareva tossica. Altri tremavano al solo pensiero del giorno successivo.
Io avevo il calcio e i miei schemi. Lavoravo per portare in Italia il sistema di Chapman, faticavo per migliorare quel “WM”, volevo battere i maestri d’Inghilterra.  
Scrissi anche un manuale del gioco, e Vittorio Pozzo, che qualche tempo dopo fu campione del mondo per due volte con la nazionale italiana, pensò che fosse cosa giusta firmare una lunga introduzione. Ne fui così orgoglioso che corsi da Elena, mia moglie, per raccontarle tutto.

Credo di aver parlato per un giorno intero.
Ho imparato molto presto che nel calcio il tempo gioca contro le idee. Più tempo passa, meno efficace diventa una tattica. Colpa delle “contromisure” che tutti prima o dopo sperimentano. Allora capii come una buona tattica non fosse sufficiente, per vincere serviva altro.
Primo fra tutti portai le mie squadre in ritiro. Alle terme soprattutto, perché le ho sempre adorate. Fui anche il primo a chiedere che un giardiniere si occupasse ogni giorno dell’erba sui campi d’allenamento. Fui il primo ad assumere un medico che curasse la dieta dei miei calciatori e  ancora il primo a correre con loro in calzoni corti, mentre gli altri allenatori al campo se ne stavano in giacca e cravatta. Non ero un genio, non ero un mago. Amavo il mio mestiere.
Le vittorie arrivarono presto, e così i pareggi e le sconfitte. A Milano mandai in campo Giuseppe Meazza, un fenomeno dal cervello svelto quanto le gambe. Conquistai tre scudetti: due con l’Ambrosiana, uno con il Bologna. E fu proprio con i rossoblu che si avverò il mio sogno.
Era il 1937. Era la Coppa dell’Esposizione, il trofeo per club più importante del mondo. Era Parigi. Vincemmo contro gli inglesi del Chelsea, e non ci fu scampo per loro. Finalmente battemmo i maestri.
Il campionato,  la coppa, mia moglie Elena, Roberto e Clara (i miei figli), non ci fu anno migliore di quello. Forse fu per una strana compensazione che accadde tutto il resto. Gli anni peggiori infatti, cominciarono immediatamente dopo. Iniziò tutto con una vittoria sulla Lazio, nell’Ottobre del 1938. In ossequio alle leggi razziali, a campionato in corso, il Bologna decise di licenziarmi. Mentre Silvio Piola continuava a segnare, a me venne ricordato di essere ebreo. Quasi me n’ero dimenticato. Dopo gli anni da calciatore, pensavo di essere soltanto un allenatore; magari un marito, un padre. Al mio posto fu chiamato un austriaco che vinse lo scudetto. Sui giornali un paio di righe. Un ebreo non meritava molto di più.
Mia moglie piangeva a ogni ora. Le voci sui vagoni piombati, sulle strane sparizioni degli ebrei dalle città e sui lager in giro per l’Europa correvano in fretta. Così fuggimmo da Bologna prima che il cerchio si stringesse troppo. Arrivammo in Francia, poi ripartimmo per l’Olanda. Lì un’altra illusione a forma di sfera: il Dordrecht. Una squadra di dilettanti. Vincemmo  molto per due anni, dal ’38 al ‘40; battemmo anche il grande Feyenoord.
Continuavo ad amarlo, il calcio.
Nel ’40 un altro allontanamento, l'ultimo. Ero ebreo, di nuovo. E dovevo portare una stella gialla sopra il cappotto, nel caso qualcuno non lo sapesse.
Prima di salire sul treno per Auschwitz andai a spiare un’ultima volta la mia squadra olandese. Lo feci da una fessura della recinzione di legno che circondava il campo di calcio.
Avevo smesso di essere ogni cosa. Ero soltanto ebreo. Eppure pensavo ancora a come i tre difensori potessero impostare l’azione senza scavalcare il centrocampo.
A 12 anni mio figlio Roberto non aveva ancora giocato a pallone. A 8 anni mia figlia Clara non sapeva nulla della vita. Mia moglie morì con loro, uccisa dentro una camera a gas. Era il 1942.
Non erano utili al campo di lavoro. Io smisi di esistere il 31 gennaio del’44. "Smisi di esistere", perché la morte è un’altra cosa, quella era arrivata due anni prima.

Il mio nome, se qualcosa ancora conta, è Arpad Weisz.
Sono stato un’ala sinistra, un allenatore di calcio, un marito, un padre, un uomo. Poi ho smesso per sempre.

«Mi sembra si chiamasse Weisz, era molto bravo ma anche ebreo e chi sa come è finito»
Enzo Biagi

Fabrizio Scarfone
f.scarfone@uscatanzaro.net




Segui UsCatanzaro.net su Twitter
Links Correlati
· USCatanzaro.Net
· Altre notizie Catanzaro News
· News by ivan pugliese


Articolo più letto relativo a Catanzaro News:
Il nuovo Logo del FC Catanzaro


Gradimento articolo
Punteggio: 4.58
Voti: 29


Vota per questo articolo:

Scarso
Sufficiente
Buono
Ottimo
Eccellente



Opzioni

Pagina stampabile  Pagina stampabile

Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

"Login" | Login/Crea Account | 6 commenti | Cerca discussione
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: ''Dallo scudetto ad Auschwitz'' (Voto: 1)
di CALABRIAGIALLOROSSA il Mer, 24 feb 2010 10:24 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio) http://www.uscatanzaro.net
Un pezzo bellissimo



Re: ''Dallo scudetto ad Auschwitz'' (Voto: 1)
di longonio (scarfone@scarfone@alice.it) il Mer, 24 feb 2010 10:51 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
fantastico e commovente. Bravo........



Re: ''Dallo scudetto ad Auschwitz'' (Voto: 1)
di simmacocapostorico1929 il Mer, 24 feb 2010 12:22 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
10 E LODE-----------------



Re: ''Dallo scudetto ad Auschwitz'' (Voto: 1)
di aurelione il Mer, 24 feb 2010 14:19 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Pezzo straordinario. Peccato solo che l'autore del libro, Matteo Marani, dieci anni fa quando lavorava al Guerin Sportivo scrisse un pezzo oltraggioso sul Catanzaro, Catanzaro ed i catanzaresi. Si parlava di ndrangheta e di altre cose che con noi e col calcio non hanno niente a che fare. Da notare che nè Marani nè il suo direttore di allora, Ivan Zazzaroni, si sono mai degnati di chiedere scusa, poichè ritenevano di essere nel giusto.
Non so se sia un bene tutta questa pubblicità.



 

Powered by ECSnet - Designed by IDEAWEB

www.uscatanzaro.net è il media di distribuzione del periodico telematico "Sanguinis Effusione"
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma, Sezione per la Stampa e l'Informazione con numero 49/2003
Direttore Responsabile è Francesco Ceniti.
L'Editore della Testata è l'Associazione "Il Catanzaro nel Cuore - Sanguinis Effusione", con sede in Roma.
Il Presidente dell'Associazione è Gennaro Maria Amoruso.
"Sanguinis Effusione" ha periodicità plurisettimanale ed ha carattere sociale, culturale, di costume e sportivo.
Informiamo gli utenti che tutti i Forum di questo sito, sono liberi, e data la mole di post inseriti, non è possibile verificarne sempre i contenuti.
L'uso costruttivo degli stessi è a carico del buon senso degli utilizzatori.

Visualizza la Policy sulla Privacy | Visualizza la Policy sui Cookie


Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.168 Secondi